mercoledì 25 novembre 2015

I Cantucci di Prato e...la città di Prato


Qualsiasi fiorentino ha avuto a che fare con Prato. Vuoi per il lavoro, vuoi per qualche centro commerciale, una volta nella vita Prato ti tocca.
La prima volta che è toccato a me, avevo si e no vent'anni e dopo una serata con le amiche, verso le 3 di notte mi son trovata ad accompagnare una ragazza a casa sua, appunto a Prato. All'andata, guidata da lei, tutto è andato bene. 
A ritorno è stato il delirio, credo di aver raggiunto il letto alle quattro. 
Del pomeriggio. 
La città di Prato, per chi non lo sapesse è costruita su rettilinei e rotonde affiancate da edifici, alberi tutti esattamente uguali. Le indicazioni sono chiare solo a chi è pratese e indicano sempre zone industriali. Puoi fare la strada e memorizzarla: rettilineo-rotonda-rettilineo-rotonda-destra-rettilineo. Se la fai tornando, seguendo esattamente le indicazioni al contrario, ti perdi. Prato vince sempre. Allora ci riprovi e guardi con attenzione quell'edificio bianco con 6 finestre e la pubblicità scritta in cinese. Al ritorno, il cartellone non c'è più. 
E manco l'edificio con le finestre.
A Prato le strade son clonate. 
Che poi, non puoi nemmeno dire, tho' ho sbagliato strada, alla prossima rotonda torno indietro. No! Perché il rettilineo è lungo 12 chilometri e la rotonda che trovi in fondo ha 8 uscite, tutte uguali, ed è enorme, formata da altre piccole sottorotonde, tutte senza punti di riferimento, per cui mentre la circonvalli , perdi il conto e imbocchi il rettilineo sbagliato che ti porterà sull'autostrada a pagamento, dalla quale non puoi nemmeno fare inversione, la quale è sprovvista di autogrill, piazzole di emergenza, benzinai e dove l'uscita più vicina è quella di Bologna!
Ho conosciuto un signore al quale ho chiesto perché si fosse trasferito da Firenze a Prato. Mi ha risposto che non si era trasferito: si era solo perso e non riuscendo a trovare la strada, aveva deciso di comprarsi una casa e farsi famiglia là.
Per questo che i cantucci son duri. La cosa dell'inzuppo nel Vin santo è solo una scusa. La verità, Signori, è che escono dalla pasticceria che sono dei morbidi sablè, ma prima di ritrovar la strada di casa, passa così tanto tempo che diventan duri come sassi.
Maremma bucaiola.


La ricetta è trita e ritrita, collaudata, la migliore in circolazione, l'unica che si avvicina a quelli inimitabili del biscottificio "I Fochi", a Carmignano (Prato) 

Dosi
(ricetta di S.Spilli)

450 g di farina
350 g di zucchero
2 uova intere 
3 tuorli 
1 uovo intero per spennellare
1/2 bustina di lievito
50 g di burro 
200 g di mandorle non spellate


Procedimento

Tostare leggermente le mandorle in forno per qualche minuto a 180°.
Montare con il frullatore elettrico 2 uova intere e 3 tuorli con lo zucchero finché non diventeranno bianche e spumose. 
Unire il burro fuso e intiepidito.
Aggiungere la farina setacciata con il lievito e lavorare l'impasto con le mani
Mano a mano che aggiungerete farina l'impasto diventerà più denso e difficile da amalgamare con il cucchiaio; impastate quindi con le mani. Aggiungere le mandorle cercando di amalgamarle in maniera omogenea.
Infarinare il tavolo di lavoro e formare 3 filoncini spessi un centimetro.
Porli sulla placca ricoperta di carta forno, distanziati tra loro.
Spennellare con l'uovo intero sbattuto e cuocere in forno  a 180° per circa mezz'ora o fino a doratura. I biscotti saranno ancora morbidi, farli intiepidire qualche minuto e poi tagliarli leggermente in obliquo con uno spessore di 1 centimetro e mezzo circa).
Disporli sulla placca e far tostare qualche minuto da entrambe i lati a 100°.
Far raffreddare prima di conservarli in una scatola di latta.
Fate attenzione a non farli cuocere troppo né la prima, né la seconda volta: i cantucci devono essere duri per essere inzuppati del Vin Santo ma dovrebbero anche in linea di massima essere mangiati al naturale...


SHARE:

24 commenti

  1. Ah ah ah ^^ non mi è mai capitato di andarci! Però mi attrezzo di navigatore ;-)

    RispondiElimina
  2. beh ogni scusa è buona per concedersi un cicchetto (da noi si dice così) sono dolcetti così buoni che chi non li ha mai assaggiati non può capire, grazie della ricetta :-)

    RispondiElimina
  3. Sei fantastica!!! È proprio vero!!! Chi non si perde a Prato? Secondo me il navigatore l'ha inventato un pratese!!!

    RispondiElimina
  4. Maremma bucaiola.....buonissimi a bestia!!!

    RispondiElimina
  5. Maremma cignala! Ma quando faranno diventare a 4 corsie quel maledetto ponte (pieno di cartelloni che oggi ci sono e domani chissà..!!!)
    E vai con il cantuccio (io ho sempre la scusa per mangiarmeli belli inzuppi!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. maremma cignala?? te tussei di firenze sotto i' domo vai!:-)

      Elimina
  6. E vogliamo parlare delle vie in cineseeeeee??????? Grandissima Monique... Da Carmignano ci sono passata ieri... E dopo ho fatto tappa a Chiesa Nuova per quella schiacciata fenomenale :)))))

    RispondiElimina
  7. Questi biscottini sono una bera delizia che allietano le serate invernali,grazie cara

    RispondiElimina
  8. Mi hai fatto troppo ridere! ...........é un periodo che faccio cantucci continuamente, é uno dei pochi biscotti che non mi stanca! ....e la mia ricetta quasi uguale alla tua, bene!
    Ciao

    RispondiElimina
  9. Sono andata a Prato una vita a trovare una mia carissima amica e non c'è stata una volta che pur con il navigatore io non abbia avuto qualche momento di smarrimento, a parte le prime dove ovviamente mi sono persa nelle campagne soprastanti.
    La foto uno splendore...ma che te lo dico a fare!

    RispondiElimina
  10. Deliziosi questi cantuccini :-) aria di Natale

    RispondiElimina
  11. Deliziosi questi cantuccini :-) aria di Natale

    RispondiElimina
  12. questa non la sapevo! Mitica

    RispondiElimina
  13. Quindi se volessi liberarmi di mio marito, uomo dotato di zero orientamento, posso mandarlo a comprare gli originali cantucci... sempre se non viene a Sion!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si esatto, sembra che Prato sia pieno di uomini mandati dalle mogli con scuse diverse...

      Elimina
  14. Tu però me li chiami Cantucci... son Biscotti di Prato, non Cantucci!
    E quelli d'ì Mattonella sono gli originali. Duri.. Mattonella.. lo dice pure il nome :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Angela, si li chiamo cantuccini, cantucci, sbaglio? Ok, li chiamerò' biscotti di Prato! ma sul chi li ha originali...ecco...si apre una voragine di discussione!!

      Elimina
  15. Monique, ti amo già!!!! Ho convissuto per 10 anni con un pratese, per fortuna vivevamo a Firenze, e la mia unica gioia è stata che quando andavamo a trovare sua madre a Prato ci voleva così tanto per trovare la strada che la durata della visita si riduceva ai minimi termini.
    Poi un giorno non è più tornato a casa e mi sto ancora chiedendo se mi ha lasciato o si è perso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahhahhahhaha!!!! ho un lievissimo presentimento....!!

      Elimina
  16. Trèsor...scusami! Sono stata così rapita da mille cose che mi sono persa questo tuo esilarante post. Dato che le cose sono abituata a vederle planimetricamente prima dall'alto e poi come sono nella realtà, forse a Prato non mi perderei....ma nella bontà dei tuoi biscotti credo proprio di sì!
    sei adorable, come sempre
    Mad

    RispondiElimina
  17. Ahah ahahah mi ha fatto morire questo racconto, era come se fossi io nella tua macchina a smadonnare in toscano.
    Mi piace troppo come scrivi e naturalmente anche le tue ricette.
    Un saluto e buona settimana, Lorena

    RispondiElimina

APPREZZO consigli, critiche, opinioni, domande, nuove amicizie e semplici saluti.
Visto che non guadagno a commento, sarei molto più felice averne pochi e sinceri che tanti ma ad cazzum.

I commenti ANONIMI NON FIRMATI saranno cancellati.

Printfriendly

© MIEL & RICOTTA. All rights reserved.
BLOGGER TEMPLATE DESIGNED BY pipdig