giovedì 12 luglio 2018

Cubetti "senza"



190 g burro di arachidi
170 g miele
200 g avena
25 g riso soffiato
170 g cioccolato a chips, gocce o cubetti


In una ciotola unite il riso con l'avena. In un pentolino far sciogliere il miele con il burro di noccioline. Unirlo all'avena e mescolate bene. unite anche la metà del cioccolato. Foderate di carta forno una teglia di 15x20 e versate il composto premendo. Completate con il resto del cioccolato, schiacciando leggermente con le mani. Mettete in frigo per 4/5 ore, tagliate a cubetti e servite.



SHARE:

domenica 8 luglio 2018

biscotti "senza"


Sto per dirlo: chi è sensibile si tappi le orecchie! 
Biscotti senza UOVA, senza BURRO, senza FARINA ,senza LATTOSIO, senza NUCAZ (ingrediente usato nella cucina est bulgarica). Ancora una volta mi sono innamorata di ricette senza NUCAZ. Questi sono semplici , veloci, calorico quanto basta ai sensi di colpa.
La ricetta l'ho allegramente copiata da un sito americano e l'ho convertita in grammi semplicemente usando il mio gusto, eccola qui:

Per 14 biscotti

120 g avena
1 pizzico di sale
6 datteri medjoul (sono più grandi e più polposi)
120 g di burro di noccioline

100 g cioccolato fondente




Passate al blender l'avena per ridurla in farina, aggiungete i datteri e il burro di noccioline, azionate la macchina per ottenere una massa omogenea. Dividetela in palline arrotolatele tra le mani, schiacciatele con i rebbi della forchetta e mettete in frigo. Fate sciogliere il cioccolato a bagnomaria, immergete la metà dei biscotti e servite. io li tengo in frigo perché soffrono il caldo e sicuramente in inverno saranno perfetti!




SHARE:

martedì 3 luglio 2018

Gateau tofu e ciliegie


Ricetta di "zeromiette":

300 g tofu setoso
80 g zucchero integrale
150 g cioccolato al 64%
1 cucchiaio di olio di semi
30 g farina di mandorle
110 g farina
6 g lievito per dolci
2 cucchiai di kirsch
12 ciliegie
  
Mescolate il tofu con lo zucchero, aggiungete la farina, il lievito e la farina di mandorle. 
Fate fondere il cioccolato a bagno-maria con l'olio, unirlo al composto di  tofu e mescolate bene. Unite anche il kirsch e 6 ciliegie a pezzetti.
Versate in una teglia a cerniera di 20 cm di diametro (va bene anche 22) ricoperta di carta forno, livellate e completate con le altre 6 ciliegie. Infornare a 180° per 20/25 minuti. Fate raffreddare completamente.





SHARE:

lunedì 2 luglio 2018

Fusilli avocado e tonno


Giugno: le città iniziano a svuotarsi ormai.
Che desolazione!
Per chi resta, il sentimento è bipolare.
Da una parte è un piacere prendere la macchina o fare la fila alla posta: non c'è nessuno e hai la sensazione che la città sia tutta tua, senza traffico e rumori, urla o clacson. Potresti anche guidare in strada a zig-zag o fermarti in mezzo alla corsia per metterti il rossetto allo specchietto retrovisore, oppure puoi passeggiare struccata con quel vestito brutto e logoro ma tanto comodo, che tanto nessuno ti guarda.
Dall'altra parte invece un po' soffri: vedere l'impiegato della posta che ti serve lentamente, che tanto ha tutto il tempo e anche poca voglia. E ti logori perché comunque dai social ti arrivano solo immagini di mari cristallini e pelli abbronzate e tu sei là, davanti al tuo monitor con lo screen-save delle Maldive, il ventilatore a destra e il calendario a sinistra. Lo guardi e con la matita fai il calcolo di quanto ti resta alle ferie. Il calcolo lo fai in ore ché in giorni è troppo doloroso, troppo diretto. Per il momento, l'unica mini vacanza che ti puoi permettere è il pranzo, quello fresco e rigenerante portato da casa. Insalatone colorate di verdure, di riso o un classico italiano: la pasta fredda come quella con zucchine e tonno. Tre ingredienti che si sposano benissimo sia caldi che freddi. Nel web si trovano tantissime idee come questa originale della pasta con zucchine, tonno e uova, una carbonara con il pesce.
La verdura con il pesce è un piacere, sembra quasi di essere in vacanza.
Se durante l'ora di pausa d'ufficio, ti metti sul terrazzino o sul tetto, con i piedi in una bacinella colma di acqua salata, ti mangi la tua pasta fredda e profumata di tonno e ti metti l'App del rumore delle onde, praticamente sei in vacanza per un'oretta a costo zero!
Ma chi te lo fa fare di fare ore e ore di aereo? Poi magari in albergo non ti fanno il cigno con l'asciugamano, in spiaggia la sabbia è così bianca che ti abbaglia, per non parlare dei cocktail in riva al mare così poco igienici e le tartarughe giganti accanto: pericolosissime.
Ma no, assolutamente! Vuoi mettere la pace di una città fantasma e l'eco dei tasti della tastiera, il rumore dei tomi di documenti urgenti sbattuti sulla scrivania, mentre alla radio danno le canzoni anni 70?
Non c'è paragone.
Eppure in fondo al cuore, alla coscienza, in fondo all'animo e alla mente, qualcosa ti dice che non sei nel posto giusto. Ignori questa voce finché puoi ma nel bel mezzo del pensiero, senza una punta di sensibilità, anche la concierge del piano amministrazione, bussa alla porta e viene a salutarti perché "sa, da domani sono in ferie".
La immagini che corre in spiaggia mentre lancia i mazzi di chiavi di tutti gli uffici, si toglie il camice azzurrino e si tuffa in acqua mentre urla "sono in ferie, sono in ferie!" Ti fai una mini ricerca per distrarti: cerchi ricette della tradizione come questo ma ti ricordano troppo la Sicilia, il caldo, il mare. Allora ti imbatti sulla pasticceria ma cadi su una mousse che ti fa solo montare la voglia ombrellone!
Ti sfoghi con lunghi monologhi con il ventilatore, se capita, gli chiedi pure se vuole un caffè.
Però anche tu un giorno andrai in vacanza, toccherà pure a te e sarà bellissimo! Come minimo ti viene la bronchite da ventilatore 2 giorni prima della partenza. Oppure i figli si beccano qualche virus preso all'asilo che si era annidato in inverno per poi uscire strategicamente qualche ora prima della partenza.
Sì perché il "mai-una-gioia" per i sopravvissuti estivi delle città è quasi un mantra.
Il calcolo dei giorni alle ferie e la ricerca di piatti e paste fredde da prepararsi la sera prima, ormai è diventata una tradizione e quasi quasi ti sei abituato.
E poi senza di te, il ventilatore soffrirebbe di malinconia.


Vi voglio aiutare nella ricerca di una pasta fredda con ingredienti che tra loro fanno amicizia subito: fusilli con tonno e avocado. Ecco qui come si fa:

Per 4 persone

300 g fusilli
420 g pomodorini gialli
2 avocado
un mazzetto di basilico
350 g filetti di tonno Rio Mare
sale
pepe

olio

Lavate e tagliate in due i pomodorini. Cuocete la pasta in acqua bollente salata, scolatela, passatela sotto il getto di acqua fredda e versatela in una ciotola capiente. Unite i pomodorini, il tonno sgocciolato e spezzettato, gli avocado a pezzi e mescolate. Completate con olio, pepe, correggete di sale e aggiungete tanto basilico. Lasciate un'oretta in frigo e servite.



SHARE:

lunedì 14 maggio 2018

Printfriendly

© MIEL & RICOTTA. All rights reserved.
BLOGGER TEMPLATE DESIGNED BY pipdig