venerdì 29 novembre 2013

Speculoos e...l'aereo

Quando sali in aereo, anche se di voli ne hai fatti a decine, per un secondo, un nano secondo, il pensiero ti va là. Sì, avanti, non negate: tutti ci pensano a quella cosa là. Sali con i tuoi bagagli e sorridi pure, fai finta di nulla, ti chiedi: si sarà visto che ci ho pensato per un attimo a quella cosa là, oppure sto recitando bene la mia parte di viaggiatrice consumata che non gli è mai venuto in mente che l'aereo possa cadere? 
No, non cade, o per lo meno, cadono gli altri ma non il tuo. 
E poi l'aereo è il mezzo più sicuro del mondo. 
E poi sopra le nuvole c'è sempre il sole.  
Ti siedi accanto al finestrino e la hostess si avvicina per dirti che ti sei seduta proprio davanti la porta di emergenza laterale e ti spiega amorevole come se ti stesse raccontando come le è venuto bene il soufflé che in caso, devi rompere il vetro e tirare il manicotto per fare uscire tutti. 
In quel momento ti arriva una camionata di responsabilità che neanche Maria Teresa di Calcutta. L'aereo è nelle tue mani e avrai gli sguardi dei passeggeri accanto che dicono: hai capito tutto vero? Lo sai come farci uscire in caso, vero?
E per concludere, la hostess  ti consiglia di  mettere la borsa  in cappelliera perché in caso, può essere d'impaccio. 
Ma in caso di cosa? Voglio scendere!!
Fortuna che durante il volo arriva lui, il caffè con il biscottino, lo speculoos, quello con il gusto di spezie, quello con il profumo del Nord e di camino acceso. Quello che prima ti conservi in tasca con l'idea di mangiarlo più tardi quando sarai più tranquilla e che invece ti mangi subito perché forse un più tardi potrebbe non esserci.
Invece va sempre tutto bene e quando scendi ti dici: devo cercare la ricetta di quel biscottino, me li faccio da sola in caso...


Se volete saperne di più, ho già parlato di questi biscottini QUI per la crema di speculoos.
Oggi vi propongo il biscottino vero e proprio da fare a casa. Ci sono solo un paio di accorgimenti. *Occorre il melange di  spezie da pain d'épice oppure potete sostituirlo con
1/2 cucchiaino di anice stellato
1/2 cucchiaino di noce moscata
1/2 cucchiaino di cannella
1/2 cucchiaino di chiodi di garofano ridotti in polvere
Mescolate e prelevatene 1 cucchiaino (come per questa ricetta) o di più se vi piace più speziato.
*Poi occorre lo zucchero vergeoise ovvero uno zucchero di canna scuro, molto profumato e umido al tatto. Se non lo trovate, credo possa andar bene il muscovado o ultima spiaggia quello di canna ma vi verranno i biscotti più chiari e con un gusto diverso.




Di Sylvie Ait-Ali

250 g farina
150 g vergeoise brune*
1/2 cucchiaino di bicarbonato
1 cucchiaino di miscela quattro spezie*
125 g burro
1 tuorlo
4 cucchiai latte
sale



Unire la farina con la vergeoise, un pizzico di sale, il bicarbonato e le spezie. Aggiungere il burro a pomata e lavorare con la forchetta. Unire il tuorlo e il latte a poco a poco fino ad ottenere un impasto morbido e omogeneo (io ho usato il robot). Avvolgere la palla con pellicola e far riposare per 1 ora. Stendere la pasta su un ripiano leggermente infarinato e tagliare i biscotti, trasferirli sulla placca con carta da forno e mettere in frigo fino  a che la temperatura del forno non salga a 180°. Cuocere per circa 10 min. Lasciar raffreddare del tutto, conservare in una scatola di latta ermetica.


SHARE:

28 commenti

  1. DETESTO VOLARE. Ogni volta passo almeno la prima ora a sobbalzare per ogni piccolo rumore e quando le hostess fanno il loro teatrino iniziale per informare sulle uscite di emergenza e salvagenti vari io mi caccio l'iPod nelle orecchie a tutto volume e leggo freneticamente qualunque cosa, anche il catalogo della compagnia aerea se capita.
    Poi però mi sparo voli da 18 ore con almeno 3 scali. Sono pure masochista!

    Meravigliosi questi biscotti, io li adoro e proverò sicuramente a farli in casa... anche se non ho idea di dove trovare l'anice stellato in polvere e quello zucchero chic che usi tu :)

    RispondiElimina
  2. Moni io a quella cosa non ci penso mai e mi piace troppo la fase del decollo, mi sembra di stare sulle giostre, invece mio marito ha sempre paura e mi guarda con aria strana, perché io sto tranquilla che leggo, ascolto musica ecc... e lui... meglio sorvolare! Queste meraviglie a me non le hanno mai offerte e forse è meglio perché quando assaporo gli speculoos non riesco a franarmi con l'assaggio di un biscottino ma per "saziare" le mie voglie c'è ne vogliono almeno 3.
    Baciii e buon w.e. stellina

    RispondiElimina
  3. A me piace un botto volare! Anzi mi manca proprio... devo prendere un'aereo! ;)
    Questi biscotti li A D O R O!!! Grazie tesora bella per la ricetta!!!! ^_^

    RispondiElimina
  4. Mai preso l`aereo, lo so é da deficiente ma il solo pensiero di salire su di un aereo mi terrorizza...mi viene il panico solo a pensarci!! Per prendere l`aereo dovrebbero solo darmi una botta in testa:-D!! Che visione i tuoi speculoos, li ho mangiati ma mai fatti...prendo la ricetta!! Un bacio

    RispondiElimina
  5. Altroché se ci penso a "quella cosa"! Già dal giorno prima della partenza, addirittura. E dire che ne ho fatti di voli. Ma, niente, non c'è nulla da fare. E non ti dico che incubo se, per uno sfortunatissimo caso, finisco esattamente in "quel posto" laterale. Ecco, se siedo io vicino all'uscita di emergenza, signori lo dico pubblicamente, non contate su di me che mi sarò già schiantata contro me stessa che tenta di scappare.
    Perché a me questi biscotti non li ha mai offerti nessuno in volo? Ora mi tocca farli assolutamente!

    RispondiElimina
  6. Ho volato pochissimo e non mi piace per niente ma i tuoi biscottini, quelli si e poi sono belli, hanno un'aria semplice e di classe al tempo stesso, mi devo dar da fare,
    Daniela

    RispondiElimina
  7. Aereo preso una volta sola e mi sa che sarà l'unica...buona questi biscotti favolosi grazie e buona settimana.

    RispondiElimina
  8. Anche io ci penso, sempre e certe volte mi prende anche un po' il panico per qualche minuto! Soprattutto quando non volo sopra il mare, non so perché, stupidamente "precipitare sul mare" mi fa sentire più sicuro!
    Per me gli Speculoos mi parlano di Natale in Erasmus in Germania! :) che bei ricordi!

    Marco di Una cucina per Chiama

    RispondiElimina
  9. grazie anche ioho la ricetta degli speculos ma non sapevo il pain d'epice da cosa era formato, benissimo adesso non ho più nessuna scusa per non farli, un bacione

    RispondiElimina
  10. Segnato lo zucchero... il 10 sarò in Svizzera così lo cerco insieme al mix di spezie!
    (stai diventando peggio di Montersino... tzè!) ;)))))))))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo zucchero lo trovi anche da Edelweiss. La bustina di peszie le trovi da tutte le parti! Dimmelo se hai bisogno.

      Elimina
    2. Di solito vado alla Migros... Dici c'è?

      Elimina
  11. Per me volare è un incubo e per lavoro devo farlo più spesso che per piacere (che non c'è a volare, con piacere intendevo ferie!!), mi immagino ad ogni vuoto d'aria che sto precipitando e manco per andare in vacanza!!!
    Adoro gli speculoos, non li tengo mai da parte, li mangio subito, ma sarà per il nervoso perchè in quota spazzolo qualunque cosa mi arrivi sotto i denti!!
    Appena recupero il mix di spezie li provo!!
    Ciao ciao!!

    RispondiElimina
  12. l'anice stellato (secco) l'ho comprato giusto oggi! avevo in mente una ricetta orientale salata ma la voglia di fare questi è tanta! mi manca mannaggia quello zucchero specifico. ho lo zucchero di palma che è umido ma troppo chiaro.
    niente, vado a fare le mie ricerche di approvigionamento.
    ps le foto sono di un "cozy".. amo il clima cosi. ^_^

    RispondiElimina
  13. Ahahahah ti capisco, eccome se ti capisco! Ma scusa un attimo, che aereo hai preso?
    No perchè io non ho mai avuto la fortuna di ricevere come snack gli speculoos, il massimo sono stati dei tarallini che si spacciavano per pugliesi!!
    Vorrei proprio saperlo, in caso...:)

    P.S. Le tue foto sono splendideeeee

    RispondiElimina
  14. <a dire il vero io non ci ho mai pensato. Ho volato tantissime volte ma non ci ho mai pensato. Anzi io chiedo sempre se possibile i posti proprio vicini alle uscite di emergenza per avere più spazio. Sarà che sono un'ottimista, però il biscotto me lo mangio subito :)

    RispondiElimina
  15. Meno male che quando la hostess parla io sono già nel mondo dei sogni ^^

    RispondiElimina
  16. Ci penso tutte le volte.
    Evito le responsabilità e siedo sempre lato corridoio.
    Di solito mangio (quasi) tutto.
    Ottima scelta questi biscotti, da (eterno) riposo...sul divano. :-)

    smack

    RispondiElimina
  17. li faccio anche io spesso ! ma quello zucchero così particolare lo devo cercare così potrò sperimentare anche la tua ricettina!!! ti auguro un buon fine settimana... a presto

    RispondiElimina
  18. Ho volato molte volte ma non ci ho mai nemmeno pensato a quella cosa là! Magari è semplicemente perché non sono mai stata allarmata dalla hostess :-P!!!
    Questi biscotti sono talmente confortanti che dopo il primo assaggio potrebbe crollare il mondo, io ho già raggiunto la pace dei sensi!
    Bacio e felice we
    la zia Consu

    RispondiElimina
  19. Da tanto cercavo questa ricetta e l'ho trovata qui: grazie :-)

    RispondiElimina
  20. una ricetta favolosa che adoro e le tue foto parlano da sole non ho mai volato per paura ....

    RispondiElimina
  21. No, io non lo trovo da Migros e nemmeno alla Coop o Manor...pero' ti parlo di Sion...

    RispondiElimina
  22. Oh Monique, questi speculoos mi ricordano la mia gita in Danimarca.. che belli che sono :) sembrano buonissimi :)
    io a differenza tua amo volare, mi rilassa :) grazie per avermi fatto tornare alla mente quei ricordi, un bacione!
    Silvia
    p.s: maledette nuvole che mi nascondono il sole e non mi lasciano fare le foto :D

    RispondiElimina
  23. oddio io ci penso sempre quando salgo sull'aereo... :-/
    prendo un biscottino e ti lascio un salutino

    RispondiElimina
  24. Ciao cara, che delizia! Se passi da me c'è un premio per te
    Un abbraccio
    Nina

    RispondiElimina

APPREZZO consigli, critiche, opinioni, domande, nuove amicizie e semplici saluti.
Visto che non guadagno a commento, sarei molto più felice averne pochi e sinceri che tanti ma ad cazzum.

I commenti ANONIMI NON FIRMATI saranno cancellati.

Printfriendly

© MIEL & RICOTTA. All rights reserved.
BLOGGER TEMPLATE DESIGNED BY pipdig