venerdì 26 settembre 2014

Focaccine ai pomodorini


Detesto ciò che sto per fare ma dicono che è necessario. 
Devo promuovermi.
Non mi so vendere, questa è la verità. Non sono una buona imprenditrice di me stessa. Sono piuttosto una Madre Teresa, visto che mi viene più spontaneo aiutare per niente, che per costruirci un business. 
E oggi come oggi non è propriamente una virtù.
Bon, bando alle ciance.
Sono qui, in veste di promotrice di me stessa per comunicarvi che terrò

 un corso di Food Styling, 
il giorno 26 Ottobre 2014 
in quel di Milano

Il corso, indirizzato a foodbloggers (e chi sennò?), verte a spiegare l'importanza della composizione fotografica, il valore dei colori, delle linee e delle armonie.
I foodbloggers non sono professionisti con attrezzature, ma donne (e uomini) con altri tipi di lavoro, con figli che scorrazzano qua e là, compagni impazienti che vogliono mangiare caldo e soprattutto cucine che sono SOLO cucine e non enormi light box.
Il mio obiettivo sarà quello di mostrarvi con teoria e pratica, come ottenere piatti appetibili, foto armoniose e set equilibrate, senza bisogno di studi fotografici, faretti e ombrellini, per rendere le foto del vostro blog ancora più belle.
In tutto questo, sarò egregiamente sostenuta da un tecnico della fotografia: il Signor Luca di Fotocibiamo che risponderà a tutte le domande che vi siete sempre fatte e che non avete mai osato chiedere.
E sto parlando di fotografia eh.
Al termine del corso, vendita di pentolame con base di eternit e materassi sintetici con acari in offerta. 
Sto a scherzà: al termine del corso potrete abbracciarmi e chiedermi la foto autografata.
Scherzo ancora. Io non un discorso serio mai, eh?
Ok, ricomincio: al termine del corso, magari non sarete brave come Newton ma vi sarete divertite.
Se ho stuzzicato il vostro interesse, scrivetemi una mail o contattatemi tramite FB.
Ecco, e il mio sporco lavoro l'ho fatto.



Ora mi rilasso, vi parlo brevemente della ricettina di oggi che mi è tanto piaciuta. Semplice ma rustica al punto giusto.
Un impasto di quelli belli idratati come piacciono a me, lievitazione calma e profumi di campagna.



Per 3 focaccine

400 g farina 0 (io ho usato la T55 francese)
10 g sale
4 g lievito di birra fresco
300 g acqua tiepida
3 grappoli di pomodorini ciliegia (io ne ho usato un tipo rosso, uno giallo e uno verde)
aglio
olio

In una ciotola piccola, mescolate la farina con il sale. In una grande ciotola, sciogliete il lievito con l'acqua. Versate il primo mélange nel secondo e mescolate con un cucchiaio di legno per ottenere un impasto un po' appiccicoso. Oliate un'altra ciotola e adagiateci l'impasto. Ricoprite a campana con l'altra ciotola e far riposare 30 minuti. Passati i 30 minuti, sempre lasciando l'impasto nella ciotola, fate delle pieghe semplici prendendo i lembi e portandoli verso l'interno:

video


Coprite e lasciate riposare ancora per 30 minuti. Ripetete le pieghe e coprite. Lasciar passare altre 3 ore, ricordandosi di fare le pieghe ogni 30 minuti. In tutto sono 4 ore di lievitazione lavorata, con 8 operazioni di pieghe. All'ultima operazione, la pasta sarà piena di bolle d'aria molto grandi. Ricordatevi sempre di oliare un po' la ciotola o comunque di non farla mai rimanere senza olio. Rovesciatela su una teglia coperta di carta da forno e con delicatezza, per non sgonfiare l' impasto e non rompere le bolle. Coprite a campana e lasciate riposare per 10 minuti. Dividete l'impasto in 3 parti, appiattitele con le mani, per formare le focaccine e lasciatele riposare ancora 10 minuti.
"Tamponate" le focaccine con dell'aglio diviso a metà.
Guarnite con i grappoli di pomodorini (io qualcuno l'ho aperto e strizzato sopra l'impasto). Passate un filo d'olio e lasciarle lievitare altri 10/20 minuti.
Nel frattempo riscaldate il forno a 240°. Infornate per circa 20 minuti o fino a che la pasta sia dorata.
Per sapere se è cotta, battete il sotto della focaccia con un cucchiaino. Se il suono è secco è pronta.
Lasciare il rametto del grappolo è giusto un vezzo fotografico, io vi consiglio di mettere solo i pomodorini!





SHARE:

17 commenti

  1. Alveolata a bellissima, poi con quei bei pomodorini dev'essere goduriosa da paura.
    Quanto mi piacerebbe poter partecipare a quel corso ma, ahimè vivo troppo distante... un corsicino ino ino qui dalle mie parti almeno nel Veneto?? Sarebbe super!!

    RispondiElimina
  2. Divina ! Ha un bellissimo aspetto

    RispondiElimina
  3. sto a scherzà!!!! mi fai troppo ridere, troppo. ma tornando seri mi piacerebbe assistere al tuo corso, e non posso. però mi vuoi bene lo stesso vero? e non scherzà!

    RispondiElimina
  4. avrei proprio bisogno di un corso come il tuo per rendere le mie foto almeno leggermente più decenti ma non posso venire a Milano ora,peccato speriamo che ci passi qualche nozione così di sfuggita,un bacione a te ed a questa favolosa focaccia un morsone

    RispondiElimina
  5. Noooo!!! Proprio quando sono fuori!!!! Non è che ne terrai altri??

    RispondiElimina
  6. Per il corso sono fuori gioco ma certo che salutarti mi piacerebbe molto! Per fare questo impasto non ci deve essere in casa mio marito, devo provare, il risultato è fantastico,
    Daniela

    RispondiElimina
  7. Nooo Monique voglio venire!!!! Ma poi vieni anche a Roma?? =D
    Complimentissimi, anche per la ricetta che mi fa troppa gola! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  8. Wow addenterei lo schermo!!!
    Che bella iniziativa, peccato non poter esserci, ma spero capiteranno occasioni un pochino più vicine a me! ;)

    RispondiElimina
  9. bella iniziativa, vorrei tanto essere li', ma ho un altro impegno, il compleanno di mio figlio!!!!Le focaccine sono straordinarie, proprio come piacciono a me!!!!baci Sabry

    RispondiElimina
  10. Io sono di Varese, peccato che attualmente sono in erasmus e quindi non ci potrò essere! Mi sarebbe interessato molto! Intanto mi segno la ricetta e ti faccio i complimenti per il blog! Un abbraccio

    RispondiElimina
  11. Monique è la focaccia più bella del creato! Mi dispiacerebbe mangiarla per quanto è bella! Ma quelle bolle d'aria? Perfette! Esprimono la leggerezza del impasto, lo hai lavorato con tenacia e amore, e si vede.. ♥

    Le tue foto sono davvero originali ed è un peccato che sono così lontano da Milano (Sicilia) e non posso partecipare al tuo corso... Vediamo se riesco a convincere mio ragazzo e facciamo una scappatella da quelle parti a ottobre ;)

    RispondiElimina
  12. non so come ho scoperto il tuo blog, fatto sta che lo sto spulciando tutto con gli occhi sgranati per le ricette bellissimi e senz'altro buonissime, e l'acquolina in bocca.
    Piacevole scoperta, non ti libererai più di me.. ciao e passa da me se ti va!!

    RispondiElimina
  13. Ho appena finito di impastare per la trecentesima volta queste focaccine. Le adoriamo! :-)

    RispondiElimina
  14. ora sto impastando.. scorpirò stasera... ma solo a vederla mi fa impazzire..

    RispondiElimina

APPREZZO consigli, critiche, opinioni, domande, nuove amicizie e semplici saluti.
Visto che non guadagno a commento, sarei molto più felice averne pochi e sinceri che tanti ma ad cazzum.

I commenti ANONIMI NON FIRMATI saranno cancellati.

Printfriendly

© MIEL & RICOTTA. All rights reserved.
BLOGGER TEMPLATE DESIGNED BY pipdig