giovedì 10 ottobre 2013

Fettuccine al pesto di pistacchi e...che bel pistacchio




Non sono mai riuscita ad ammirare il corpo degli uomini. Non sono mai riuscita a rimanerne incantata. Davanti ad un adone, io, fredda come il marmo.
Mentre le mie amiche guardano il lato B di Brad Pitt, e i bicipiti  di Matt Damon, a me l'occhio mi cade sull'orlo scucito dei pantaloni. 
Mentre nella foto di un calendario, con set in un pagliaio, il modello si appoggia al forcone, io riesco a scovarti l'ago.  
Gli addominali non mi hanno mai colpito. A scuola, a storia dell'arte, ero l'unica attenta alla spiegazione dei bronzi di Riace.
Sono sincera se dico che ad uno spogliarello maschile, riuscirei senza problemi a concentrarmi sulla paillette allentata che penzola dal perizoma.
Tanti anni fa, in una pubblicità, un bel ragazzo usciva da un lago a torso nudo ma con i Levi's 501. Ricordate? Ecco, mentre le mie amiche si commuovevano per la bellezza, io me ne uscii con un: "ma non gli da fastidio il jeans attaccato alle gambe?" 
Bocciata. Commento non attinente.
Un'altra amica mi manda per mail un'immagine di un signore a petto nudo, glabro e anche un po' unto, con un grembiule di 5 taglie più piccolo, mentre taglia delle zucchine a rondelle. 
Mi scrive sotto: "che ne dici?"
Le rispondo: "si vede che son nostrane, guarda come son verdi!" 
Bocciata. Risposta non attinente.

Al mercato un giovane con occhi magnetici, camicia sbottonata e jeans così aderenti che si vedeva se la monetina in tasca era testa o croce, stava decantando la bontà dei suoi prodotti: frutta secca del territorio, noci, nocciole, mandorle e tanto altro.
Un nugolo di donne dai 15 ai 95, erano  ipnotizzate. Con un sorriso che sembrava una paresi, gli occhi con pupille dilatate e bocca semiaperta. Da ricovero.
Io mi avvicino, mi faccio largo tra la folla di donne, ed esclamo:
"Ecchebbel pistacchio!"
Per una volta sono rimasta in tema. Promossa!
Ed è venuta fuori una ricettina...altro che pettorali!











Per 4 persone

320 g fettuccine
100 g pistacchi tostati non salati
3 cucchiai parmigiano grattugiato
prezzemolo
2/3 cucchiai di panna
qualche foglia di maggiorana fresca
olio sale


Con il frullatore ad immersione, frullare i pistacchi tostati, la maggiorana , un po' di prezzemolo, il parmigiano e versare l' olio a filo fino a formare una salsa densa. Aggiungere la panna e regolare di sale.
Cuocere la pasta in acqua bollente salata con un paio di cucchiai d'olio per non fare attaccare le fettuccine tra loro. Aggiungere un paio di cucchiai dell'acqua di cottura al pesto: la salsa deve risultare fluida, non troppo densa. Scolare e condire con la salsa. Servire calde con un po' di pistacchi tritati e un filo d'olio.




















SHARE:

29 commenti

  1. Uhm... non amo particolarmente i pistacchi.
    Però mi sa che un bel Kg tra mandorle e nocciole glielo avrei comprato anch'io :)
    Vado a nanna con una bella risata.. notte Monique

    RispondiElimina
  2. Mi piace! Veloce e particolare...i piatti che amo di più!

    RispondiElimina
  3. che primo magnifico un abbraccio simmy

    RispondiElimina
  4. Tesoro l`ultima risposta era decisamente azzeccata:-D!!!! Ma vogliamo mettere un filo di pancia agli addominali scolpiti che fanno paura anche a toccare??? No, meglio gli uomini veri anche con qualche difetto:-D!! Un bacione e il piatto lo trovo decisamente appetitoso...chi sa resistere ai pistacchi!
    Imma

    RispondiElimina
  5. giuro che stamattina mi hai fatto morire...!io non sono proprio come te, ma diciamo che alle volte mi soffermo anche io su altri dettagli.-ottimo questo pesto!!!!!

    RispondiElimina
  6. Delizioso questo pesto, devo provarlo!!
    Ciaoo!!!

    RispondiElimina
  7. Delicate anche se preferisco le fettuino funghi e gorgonzola ma queste ledevo provare per il pesto. Buona fine settimana.

    RispondiElimina
  8. Ecco, mi associo. Neppure a me l'addominale fa effetto, nè il bel corpo.
    Però, confesso: di fronte al sorriso di Luca Argentero, cedo ;)

    La ricetta.....è da provare, sicuramente :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, ma lo sai che Luca piace anche a me? Addominali mai visti, ma il sorriso......:-)

      Elimina
  9. Grande blog, verrò di nuovo qui!
    La ricetta è incoraggiante, sembra grande!

    RispondiElimina
  10. A mi garban cicciottelli... mi mettono appetito ;)))))
    I pistacchi sono una droga...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me piacciono cicciottelli (i pistacchi..)

      Elimina
  11. Oibò, io so'uguale. E cominciavo a pensare di avere qualcosa che non andava. A questo punto, o sono semi normale, o siamo in due :D mezzo gaudio comunque! Mi metti davanti questo piatto di fettuccine pistacchiose, e son davvero capace di non veder più altro. Qui è tutto reale. Di là...
    a presto ;)

    RispondiElimina
  12. Io ti amo. In senso lato, sia chiaro, ma tu sei terapeutica!!!! Sei deliziosa. Sulla monetina che si sarebbe potuta vedere se di testa o di croce ero letteralmente esplosa. Ahahahahah, "ecchebelpistacchio", oddio muoio. Io ho un forte debole (ti piace il mio ossimoro? Ahahahahah) per i pistacchi e, a prescindere dal divertentissimo panegirico che ti ha portato a quella bancarella, trovo strepitoso il tuo piatto.
    Mi piacerebbe guardarti negli occhi mentre scrivi. E poi, hai notato che non uso più i puntini? Ahahahahahah
    Un abbraccio tesoro, sei unica (e ti ho anche fatto la mia dichiarazione d'amore, ahahahahahah)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.S. Hai cambiato il carattere del titolo del post????

      Elimina
    2. Allora intanto, aprire il blog e sapere che qualcuno mi ama, può cambiarmi la giornata! Poi, non solo ho notato con piacere che non usi i puntini (vedrai che quando leggerai post pieni di puntini, ne avrai fastidio), e infine, grazie mille Erica, di tutto, anche del fatto che ti sei resa conto che ho cambiato carattere del titolo (manco io me ne ero accorta!): ho messo anche "ricette e parole" come ci sta? un bacio grande!!

      Elimina
  13. Al pesto di pistacchi io non so resistere!!!! :) :)
    Deliziosissimo!!

    RispondiElimina
  14. Il tuo post mi ha fatto morire! E brava che sei a non farti imbellare così da un addominale :)
    Le fettuccine mi piacciono proprio tanto con questo pesto di pistacchi! :)

    Marco di Una cucina per Chiama

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà mica che metti le mani avanti perché al posto degli addominali ,hai le manigline dell'amatriciana? un bacio!

      Elimina
  15. Che bella ricetta, non avrei pensato alla maggiorana
    Il racconto l'ho "gustato" moltissimo, ma come hai ragione, ti dirò anche che vedere donne sbavare esentirle fare gridolini allo svolazzare di mutande che svelano mutande sempre più minuscole mi ha sempre fatto una gran tristezza O no?
    Grazie,
    Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se le mutande sono sempre più piccole, vorrà dire che hanno poco da contenere...Meglio il mio pesto al pistacchio: io abbondo sempre! ciao Daniela, grazie a te che sei fedelissima!

      Elimina
  16. Tu m'incanti con le parole, con le foto, riesci a catturare sempre la mia attenzione,ma quanto sei brava? Tanto.
    Questa pasta mi piace tantissimo e le foto sono da rivista, ma sai che anche io non ho mai subito il fascino dell'addominale scolpito? Preferisco altro ;-) (non c'è doppio senso,hehehehehe)
    Baci
    P.s. Ho riletto quello che ho scritto ed ho cancellato per ben 2 volte i puntini ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. aahahahaha!! Vi ho messo l'ossessione dei puntini!! ciao dolce Enri

      Elimina
  17. Semplicemente io AMO i pistacchi... sono capace di mangiarne mezzo chilo da sola... Brava Monique! ^_^

    RispondiElimina
  18. nemmeno io amo gli adoni ! meglio un chilo di buon pistacchio ... a volte ti da più soddisfazioni, come nel tuo caso dopotutto ! i miei complimenti un abbraccio e a presto :D

    RispondiElimina
  19. Voglio provarla anch'io!!
    Grazie per la condivisione!

    http://restaau.it/Browse/miglior-ristoranti-italiani-a-roma.html

    ristoranti italiani

    RispondiElimina
  20. ecco sembro io, hahahahaha, non che sia insensibile è che proprio non mi avvedo delle altrui beltà e bruttezze, perché la cosa vale anche al contrario, a meno che una persona sia inquietante psicologicamente può essere alta, bassa, grassa, magra, bella, brutta.... non me ne accorgo più di tanto, mia madre lo chiama disinteresse, io lo chiamo interesse selettivo, tu che dici?

    RispondiElimina

APPREZZO consigli, critiche, opinioni, domande, nuove amicizie e semplici saluti.
Visto che non guadagno a commento, sarei molto più felice averne pochi e sinceri che tanti ma ad cazzum.

I commenti ANONIMI NON FIRMATI saranno cancellati.

Printfriendly

© MIEL & RICOTTA. All rights reserved.
BLOGGER TEMPLATE DESIGNED BY pipdig