mercoledì 26 novembre 2014

Crème brûlée alla vaniglia Bourbon






Ci sono riuscita: dopo 3 anni di blog, pubblico la mia prima crème  brûlée(pron:crem briulè). E con questa, la più classica, inizio la saga delle crème brûlée (sì, ce ne saranno altre ancora, quindi come dicono i ggiovani, stei tiun).
Premessona: che differenza c'è tra la francese e la crema catalana? Dettagli nella preparazione e una cottura diversa. Al forno per la francese, a bagnomaria la catalana.
Non mi fate la crème brûlée cotta a bagnomaria perché potrei incattivirmi.
Panna o latte? Risultato visivo identico, gustativo diverso: con il latte risulta più leggera.
Cannello o grill? Assolutamente, per tutta la vita, il cannello.
Ogni volta che fate una crème al grill, un francese muore.
Per favore, se non lo fate per la freternité, almeno fatelo per la liberté.
La classica delle classiche è la crème brûlée con la vaniglia, in particolare quella di Bourbon della splendida isola di Réunion.
Per riconoscere il buono stato di salute della bacca, basterà attorcigliarla al dito. Se lo fa con facilità, come un caucciù, è ottima.

E anche oggi, il mio sporco lavoro l'ho fatto.
Iniziamo?

Per 4 cocotte di 11 cm di diametro e alte 2

500 ml panna
90 g zucchero semolato
5 tuorli
1 bacca di vaniglia
zucchero semolato o di canna per la croûte




Scaldare il forno a 100°.
Incidete la bacca in due e prelevate i semi.
Versate la panna in una casseruola e fatela scaldare dolcemente con i semi e la bacca.
Non portare ad ebollizione, togliere dal fuoco e togliere con un colino, o una schiumarola, la panna formata in superficie.
Lasciare in infusione 5 minuti. Nel frattempo, battere i tuorli con lo zucchero fino a che non saranno spumosi e bianchi.
Travasare i tuorli in un bricco. Togliere la bacca dalla panna e versarla a filo nei tuorli battuti, facendo molta attenzione a non creare schiuma.
Mescolare e versare nelle cocottes, disposte su una placca da forno.
Infornare per circa 1 ora. La crema deve risultare ancora morbida al centro. Far raffreddare un po' e mettere in frigo fino al raffreddamento totale. 
Al momento di servire, cospargere la superficie di zucchero semolato fine, e caramellare 
con il cannello, partendo dai bordi.
Far raffreddare uno o due minuti e servire.
E' d'obbligo "bussare" sulla crosta e spezzarla con un colpo secco di cucchiaino. Divina.






SHARE:

27 commenti

  1. e'carinissima in questa romanticissima cocotte :)

    RispondiElimina
  2. Sapendo che non ami le uova mi stupisco in modo piacevole di vedere questo bellissimo dessert qui...mi passi una coccotte?
    Buona settimana Moni

    RispondiElimina
  3. Mio marito mi ha regalato il cannello! Devo assolutamente provarla... Copio la ricetta e ti dico :)

    RispondiElimina
  4. Ieri l'ho preparata al caffè. Ma a questo punto secondo la legge di "Murphy?" dovrò aspettare almeno un anno per pubblicarla (almeno forse a quel tempo avrò imparato a fare le foto).
    Intanto mi godo la tua e mi sembra di sentire quel dolce rumore della crosta che si spezza..
    Incantevole, as usual..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AnnaLisa, è meglio che la pubblichi ora perché ne vorrei fare una serie infinita...

      Elimina
  5. Tre cose mi fanno impazzire nella vita. Le Iris, il vasetto di Nutella in dosi Morettiane e la mia adorata crème brûlée.
    Enchantée...se non fossi femmina, giuro che ti sposerei. Qui, su due piedi!!
    Maddy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E se ti dicessi che in realtà mi chiamo Ugo? Aspetto le fedi.

      Elimina
    2. Ah...
      Cet amour
      Si violent
      Si fragile
      Si tendre
      [...] J.P.
      Cartier ti va bene?
      Uahuahua

      Elimina
  6. La prima è decisamente favolosa, ora aspetto le altre!!

    RispondiElimina
  7. Divina cara semplicemente divina!!Baci,Imma

    RispondiElimina
  8. Meravigliosa ......divina.....paradisiaca.....poi per chi come me ama la vaniglia alla follia.....e comunque...concordo...panna tutta la vita.....ti avvolge...ti delizia.....

    RispondiElimina
  9. Attendo con impazienza le altre, complimenti x questa delizia

    RispondiElimina
  10. Uno dei miei dolci preferiti. Condivido, è divina. grazie!

    RispondiElimina
  11. Ammettiamo di aver pensato di farla usando il grill ma leggendo che ogni volta che succede un francese muore ci siamo riproposte di comprare un cannello!! ^ ^ Meravigliosa e super invogliante!

    RispondiElimina
  12. ...quando io leggo queste ricette, vedo queste foto, penso a questi sapori...
    il mondo immediatamente mi sembra un posto incredibilmente zuccheroso...

    RispondiElimina
  13. Aspettiamo le altre allora, questa è splendida!!!

    RispondiElimina
  14. Mi segno mentalmente il post, ci credi che non l'ho mai mangiata in vita mia?!

    RispondiElimina
  15. Fantastica e golosissima! E le foto? Meraviglia!
    Complimenti, Un saluto.
    Carla.

    RispondiElimina
  16. io mi faccio spesso della cugina, la crema catalana :-) bbbone che sono con i loro croccantini sopra e morbidi cremosi e freschi sotto :-)

    RispondiElimina
  17. Leggendo "Ogni volta che fate una crème al grill, un francese muore." sono scoppiata a ridere!
    Adoro la crème brûlée e adoro il profumo dello zucchero che caramella sotto la fiamma del cannello.
    Complimentissimi! Foto ultra golose ;)

    RispondiElimina
  18. Chiedo scusa pubblicamente a tutti i francesi , ma io anni e anni più o meno negli anni 90 feci la crem brulè al forno , ero una giovane adolescente priva di conoscenze culinarie , ero sprovvista.del cannello .
    Mi dispiace :-P .
    Bellissima presentazione favolosi i tuoi post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco che si spiega la moria di francesi negli ultimi decenni: naggia a te!:-)

      Elimina
  19. Divina! Semplicemente divina!

    RispondiElimina
  20. Ho vissuto per un pò in Francia e ti dico che di questa delizia ne ho divorate a centinaia :-P
    Sono esperta allora, haha! La tua è perfetta <3

    RispondiElimina

APPREZZO consigli, critiche, opinioni, domande, nuove amicizie e semplici saluti.
Visto che non guadagno a commento, sarei molto più felice averne pochi e sinceri che tanti ma ad cazzum.

I commenti ANONIMI NON FIRMATI saranno cancellati.

Printfriendly

© MIEL & RICOTTA. All rights reserved.
BLOGGER TEMPLATE DESIGNED BY pipdig