venerdì 19 settembre 2014

Soufflé ghiacciato al cappuccino e...l'intervista a Vanity Fair


Possibile che a me ancora nessuno mi ha chiamato per un'intervista da foodblogger? Che ne so, per Cucina Top, o per Cucina con noi, o anche Cucina tu, che io ti guardo.
Insomma una rivista a caso, una rivista regionale, o del paese che mi faccia un par di domande .
No, nessuna.
Che fare? Soffrire in silenzio, piangere sul cuscino, prendere a sassate tutti i sogni ancora in volo oppure autointervistarsi?
La seconda. 
Mi autointervisto per un bel magazine.
Ho scelto Vanity Fair.



La signorina Monique, autrice del libro foodblogger, cura il suo blog di cucina da 3 anni. La incontro nella hall dell'Hotel Mazzaquantolusso una settimana fa. Sono le otto di mattina eppure lei arriva in orario, senza un filo di trucco ma bella come il sole.
Si siede sul divanetto accavallando quel popò di stacco di cosce e iniziamo l'intervista.

Vanity Fair: Cara, è vero che ha aperto il blog per condividere le sue ricette, la sua passione e per fare nuove amicizie?
No, ho aperto il blog perché volevo partecipare ad un contest dove era obbligatorio averlo, poi mi sono appassionata e ho continuato a mettere ricette e scrivere minchiatepost.
E' vero che ha più di 10.000 seguaci?
No, ne ho 800 ma se calcoliamo tutti quelli che mi seguono per tasse e fatture, a 10.000 ci arrivo tranquillamente.
Cosa ne pensa di Cracco, Barbieri e Rugiati?
Chi?
Crede che un giorno aprirà un ristorante a Niu Iocche, minimal chic dove guadagnerà milioni senza lavorare ma solo grazie al suo nome?
No, non sono quel tipo di persona. Cucinare per guadagnare soldi lo faccio fare agli accattoni. Io mantengo la mia filosofia: spendere soldi per ingredienti, cucinare, montare il set, fotografare, scaricare le immagini, selezionarle, scrivere i post, le dosi, la ricetta e fare spam, tutto assolutamente gratis.
Son proprio furba.
Io.
E' vero che centinaia di aziende la cercano per collaborare con lei, che le propongono posate d'argento per pubblicizzare il loro nome e viaggi gratis per recensire i loro ristoranti?
Guardi, è qualcosa di scandaloso, addirittura  ho dovuto aprire 14 account mail e ho dovuto assumere un segretaria che rispondesse NO a tutte le collaborazioni. Non può capire lo stalking che mi stanno facendo. Lo vede quello seduto al banco bar là a destra? Ecco è il presidente della Kitchen Aid in persona, mi fa la posta da 3 mesi. Gli ho detto no in tutti i modi.
E quella donna fuori con il SUV nero l'ha vista? Quella è la moglie di Bastianich: è 2 settimane che mi chiede di parlare con il marito che si rifiuta di tornare in televisione. Dice che solo io potrei convincerlo.
Capisco, deve essere difficile per lei. Mi dica, con Chef Rubio come mai è finita?
(risata) Ma no! Per carità, i giornali dicono quello che vogliono! Tra me e Gabri va tutto benissimo,  a volte mi fa qualche scenata di gelosia, sa, sono alta bella molto simpatica, e a volte va un po' in crisi.
E con Emmanuel Hadjandrau? Giravano voci che si era innamorata di lui
Sì, è vero. E lo sono ancora ma professionalmente. Gli ho suggerito solo qualche consiglio per panificare meglio.
Ha programmi per il prossimo futuro?
Sì, vorrei viaggiare meno e restare più a casa davanti a Facebook, stirare e pulire il bagno con il piano doccia, le tapparelle e i battiscopa. Vorrei staccarmi da questa vita frenetica, non ne posso più di fare mare-sole-cuore-amore. E' troppo pesante per me.
Ora mi scusi, i 7 minuti sono passati, devo prendere l'aereo per Roma, ho un corso da Montersino.
Ah che meraviglia! Cosa imparerà da lui?
No, veramente è lui che prende corsi da me: devo insegnargli come preparare la crème chantilly (risata satanica).


Per 4  soufflé

3 tuorli
150 g latte
250 g panna
1 cucchiaio di caffé leofilizzato
cacao amaro
decorazioni di cioccolato

Portate il latte ad ebollizione con il caffé leofilizzato e lasciate raffreddare. Montate i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere un composto bianco e spumoso. Versare a filo il latte, mescolando. Mettete la pentola a bagnomaria e mescolare fino ad ottenere un composto più denso, senza farlo mai bollire. Versatelo in una ciotola capiente e lasciate raffreddare. Montate la panna e unitela delicatamente alla crema al caffé.
Rivestite con una striscia di cartone il bordo di 4 ciotoline. All'interno, rivestitele di acetato, per facilitare la sformatura e fermate stretto con un elastico. Versate il composto nei bicchieri fino all'orlo e lasciate in freezer per 6/7 ore. Togliete il cartoncino, decorate e servite con una spolverata di cacao amaro e dei cioccolatini.

SHARE:

46 commenti

  1. Ahahahahah che ridere Monique, hai fatto bene ad intervistarti da sola =)
    Fantastico questo soufflè, degno di un ristorante =)

    RispondiElimina
  2. ahahahahah mi metti sempre di buon umore Monique! E non è solo per i post .... foto e ricette tue sono davvero una goduria!
    buon fine settimana

    RispondiElimina
  3. Ahahahahah ho riso dall'inizio alla fine ahahahaha!!!!!!!!!!! Geniale! ^_^ Stupendo il soufflé, lo guardo e lo riguardo! Salutami Rubio (ahhhh, sospiro) e non perdere tempo con Montersino, che tanto è de coccio ;P

    RispondiElimina
  4. mamma che bello....foto straordianaria...e gusto assolutamente da provare!
    bacio

    RispondiElimina
  5. No vabbè solo tu puoi! Mi ricordi la mia adorata Sophie Kinsella...scrivi un libro ed io lo compro subito! La ricetta? Ora la leggo:D

    RispondiElimina
  6. Ho i crampi alla pancia, sono piegata in due dalle risate hahahahahaha...io to adoro Monique, sappilo!!!

    RispondiElimina
  7. Meravigliosa intervista :DDD
    e ancor di più questo soufflé, vado a prendere un cucchiaino!

    RispondiElimina
  8. hhahahahahahhahaha mi fai morire!!!! :P a proposito quando vieni a trovarmi??? quintana finita, cena in bianco pure... rimangono i PRIMI D'ITALIA 25-28 settembre.... baci :*

    RispondiElimina
  9. NOOOOOOO, questa ti mancava che te posseno Monique sei troppo forte, e il dolce è .... da volar via !!!
    Nel senso che è super ovviamente. Baci
    P.S io aspetto ancora di vedere il tuo lievito madre

    RispondiElimina
  10. No ti prego!! Mi hai fatto morire...rugiadi poi che si chiama rugiaTi è il top!! Hahaha stupenda!!!

    RispondiElimina
  11. Non ho smesso un attimo dal ridere...ho letto tutto d un fiato qst bellissima intervista, ritrovandomi ad un certo punto a credere che fosse tutto reale..adesso mi dirai che certamente lo era...... sei proprio simpaticissima!!!!!
    il souffle poi è d incanto!

    RispondiElimina
  12. Che ridere! Sei fantastica tanto quanto questo souffle!!! ;*

    RispondiElimina
  13. sto ridendo con le lacrime!!!!!

    RispondiElimina
  14. Sei un genio del male, mi sto ribaltando dalle risate!!!
    Ma il caffé leofilizzato dove lo trovo?
    A Locarno sotto il festival e basta??? ;P
    Baci genio del male!
    Lou

    RispondiElimina
  15. Grandeeee!!! Me la rido sotto in baffi!!!! Dai convinci Joe a tornare...!!!

    RispondiElimina
  16. Secondo me hai un futuro. Solo perché sei diversa dalla massa. E io amo i diversi! :-)
    (e il tiramisù è pura tentazione...)

    RispondiElimina
  17. ahhahhah!!! Che ti devo dire...geniale come sempre...
    E della ricetta...non ti dico nulla!!!!!!!!! ahahhahhah!!!!
    Così ti faccio arrabbiare!!!! :-D

    baci
    monica

    RispondiElimina
  18. Complimenti belle intervista,sei molo spiritosa e simpatica

    RispondiElimina
  19. AHAHAHAHAHAH aspe' mi ripjo poi leggo la ricetta

    RispondiElimina
  20. SEI PROPRIO UNO SPASSO!!!MI HAI FATTO RIDERE A CREPAPELLE!!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
  21. posso dire che è il mio blog preferito??? ma come quale? quello di Monique! Non diteglielo però, che poi si monta la testa!

    RispondiElimina
  22. Ah ah ah, sei troppo forte! Io non ci tengo per niente a farmi intervistare, però se anche per me venisse una qualsiasi signorina Monique, bella come il sole e con quel popo' di stacco di cosce accavallate... bè uno straccio di intervista me la farei fare!

    RispondiElimina
  23. Ahahahahah sei un mito!!!!! Se non ti pubblicano questa intervista, ci vado io a parlare con quelli di Vanity Fair!!!

    RispondiElimina
  24. Sto male!!:) ahahahah hai rallegrato la mia giornata! Spediamola alla redazione di Vanity Fair, non l'hanno mai vista un'intervista del genere e dovrebbero pagarti fior di quattrini per averla!:)
    Quel cappuccino è qualcosa di straordinario, ho già i baffi agli angoli della bocca!:D

    RispondiElimina
  25. Risulto troppo smielata se dico che ti adoro??!!! huhuhahahaha!!! :D
    E comunque questa ricetta è fantastica...sbavo...e quanto è bella la foto...

    RispondiElimina
  26. Ahahahah, ma io ti adoro, credo che smetterò di ridere domani !!!!!!!!l Questa intervista sarebbe proprio da pubblicare.
    Il tuo soufflè è favoloso, per non parlare della foto. Da mangiare all'istante.
    Un bacione

    RispondiElimina
  27. Spettacolare... e non so se più la ricetta, la foto o l'intervista! Comunque tutto da pubblicare e non solo su Vanity Fair! ;)

    RispondiElimina
  28. Solo a guardarlo mi viene fame!!! Hai un blog molto bello! Mi unisco ai tuoi lettori con molto piacere!!! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  29. Piango dalle risate!!!! Il souffle mi ha anche messo un certo languorino :) niente da dire, questo blog è uno dei top in assoluto!

    RispondiElimina
  30. Ore 22. Io e Magno svaccati sul divano. Leggo il tuo post dal cellulare e rido come una pazza. Magno mi chiede di leggerlo a voce alta così ride anche lui. Lui che non legge neanche i miei, di post, ha detto che il pezzo che gli piace di più è quello su Chef Rubio e che ora accende il computer e ti commenta pure! :D

    RispondiElimina
  31. Scommetti che a me mica viene così bene, al punto che non apparirà mai in nessuna rivista, nemmeno su Flop Magazine?

    RispondiElimina
  32. Mooooltooo divertente, davvero! Ci voleva per iniziare la settimana;))

    RispondiElimina
  33. Sto male.
    Seriamente.
    E pensa che mi ero persa il post!!
    Appena smetto di ridere, leggo la ricetta :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dicono tutti così, poi però la ricetta non me la considera nessuno!

      Elimina
  34. Monique ciao solo per dirti : ti adoro! Confesso di aver preso un po' sotto gamba il tuo blog. Sì sì inserito nei preferiti ma così di rimando , scovato con link in altro blog. Lo sbircio ogni tanto. Ma oggi mi sono fermata un po' di più..e zac colpo di fulmine!Gustose ricette, bellissime foto e poi ..la tua ironia, il tuo modo di scrivere colto, arguto, disincantato. Brava, difficile di questi tempi trovare tanto in giro per le reti e le foodblogger. ll post con l'autointervista è la tua consacrazione (prendere a sassate tutti i sogni ancora in volo.....ero per terra dalle risate: w massimo ranieri!) Non ti mollo più, mia adorata. Ciao Arianna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Arianna, che dire. Mi fa ,molto piacere sapere che ero là, tra i preferiti, ma solo per distrazione, ma mi fa più piacere sapere che finalmente sono entrata tra le tue letture:-) A destra potrai trovare quelle che ti sei persa in 3 anni di minchiate...ehm...post!
      E adesso andate via, voglio restare sola, con la malinconia, volare nel suo cielo....Bisous!!!

      Elimina
  35. Ah, ah, ah, ah, ah, se non ci fossi bisognerebbe inventarti!

    RispondiElimina
  36. no no, per carità. Una basta e avanza. Scherzo! (si dice sempre così). No vabbè, scherzo davvero perchè il tuo blog è davvero grazioso. Belle ricette e bellissime foto! Topo lina

    RispondiElimina
  37. ahahahaha
    cascai 'ra seggia!
    morta sugnu, hahahahaha
    ti adoro

    RispondiElimina
  38. Ahahahah...tra l'altro, molto ma molto piu' interessante di tante altre interviste lette in giro! e il sufflè lo vorrei qui, ora....

    RispondiElimina
  39. Oddio Monique, muoio! Meno male che ho trovato questi tuoi articoli, almeno rido un po'! :-)
    Agnese

    RispondiElimina
  40. No vabbè. ..questa autointervista mi ha fatto morire!! 😂

    RispondiElimina
  41. Emanuela Bleve24 marzo 2017 07:43

    Non so bene come sia capitata proprio su questo post, sbirciando tra le tue foto, ma non smetto di ridere e farlo appena sveglia non è da me! Grazie maestra pazzerella!

    RispondiElimina

APPREZZO consigli, critiche, opinioni, domande, nuove amicizie e semplici saluti.
Visto che non guadagno a commento, sarei molto più felice averne pochi e sinceri che tanti ma ad cazzum.

I commenti ANONIMI NON FIRMATI saranno cancellati.

Printfriendly

© MIEL & RICOTTA. All rights reserved.
BLOGGER TEMPLATE DESIGNED BY pipdig