lunedì 27 gennaio 2014

Pane alle noci e... il galateo del foodblogger




GALATEO PER IL FOODBLOGGER NEOFITA (e non)

 -10 utili consigli- 


1- DATI ANAGRAFICI-il nome
Se decidi di chiamare il tuo blog la Banana Ritorta o Angolo Gustoso, ricorda di mettere il tuo nome/soprannome visibile da qualche parte. Io che vengo a commentarti, ho il piacere di chiamarti per nome ed è imbarazzante dover scrivere "Ciao Banana, complimenti per la torta" o "Ciao Angolo, buoni questi pasticcini".

2- DATI ANAGRAFICI-il sesso
Se decidi di non mettere il tuo nome ma il tuo soprannome, fa in modo che io sappia il tuo sesso. Non per scopi perversi ma per sapere se devo commentare al maschile o al femminile.
Se il tuo nickname è "Fric-frac", è imbarazzante scrivere "Ciao Fric-frac, sei davvero brava, dolce e simpatica" e scoprire che dietro il blog si nasconde un omone di 1, 90 coperto di peli.

3- PRENDITI IL TEMPO
Se decidi di commentare un blog perché sei stata attratta dalla ricetta, dagli ingredienti, dalla foto o solo perché vuoi lasciare un saluto, prenditi il tempo di leggere il post. Se sei di fretta,  ripasserai in un altro momento o forse mai più ma evita di lasciare un commento ad cazzum.
E' imbarazzante scrivere tutto un post sul proprio gatto appena passato a miglior vita e ricevere 99 commenti di condoglianze, abbracci di solidarietà e lacrime e uno solo con scritto: "Belleeeeee questeee patateeeeeee"

4- RENDITI LEGGIBILE ANCHE AGLI ASTIGMATICI
Se decidi di aggiungere colore al tuo blog, disegnetti o farfallline, fallo con parsimonia.
E' imbarazzante leggere una ricetta con caratteri rossi su fondo blu, con neve e fiori che cadono dall'alto, un puntatore a forma di muffin a 3 piani e il bianconiglio che passa a dirti l'ora.

5- RENDITI LEGGIBILE ANCHE AGLI IPERTESI
Se decidi di mettere la musica, pensa che in quel momento, il tuo visitatore sta leggendo la ricetta: punta piuttosto su brani di Chopin, da camera o jazz strumentale. Se mi metti Piero Pelù o gli ACDC, potresti far saltare i nervi anche ad un monaco thaoista. 

6- RENDITI LEGGIBILE AI DEBOLI DI STOMACO
Se decidi di mettere della pubblicità, ricorda di far scelte logiche.
E' imbarazzante se accanto alla foto della trippa alla livornese mi metti la pubblicità di una dieta dove una signora dondola le cosce adipose.

7- ANCHE L'OCCHIO VUOLE LA SUA PARTE
Se decidi di fotografare il tuo piatto e come il 99% delle foodbloggers, non sei un professionista, cerca di fare in modo che il cibo abbia un aspetto piacevole, che sia appetibile e che inviti all'assaggio.
E' imbarazzante vedere chiazze di sugo fuori dal piatto, la forchetta accanto ciucciata da un assaggio furtivo o lo sfondo di scopa e paletta.

8- SII SINCERO
Quando prepari ricette, tue o copiate, non metterla solo perché è bella. Cerca sempre di essere sincero e oggettivo. Meglio una foto bruttarella di una ricetta che merita di essere postata che  una bella torta con dosi sbagliate o gusto improponibile.

9- SII LEALE
Ricordati che, come nella vita, devi  giocare lealmente. E' stupido comprare un panettone, fare la foto, copiare e incollare la ricetta dal web e dire che l'hai fatto tu, perché l'obiettivo non è far vedere quanto sei furbo ma quanto ti piace sperimentare, provare, fallire e riprovare.

10- SII UMILE
Ricorda che le persone si ricorderanno di te per le ricette che riescono bene e non per il numero di commenti o di followers.
Ricorda che il foodblogger è un appassionato amatoriale di cucina, non un professionista e non è pagato: rispetta il suo lavoro, cita l'autore di ricette, foto o testi.
Ricorda che hai aperto il blog per condividere ricette e idee e non per far polemica o insultare.
Ricorda  che abbiamo tutti bisogno di aiuto: un giorno starà a te svelare i segreti di foto tanto belle, un giorno avrai bisogno tu di sapere il segreto di un lievitato tanto difficile.

E ricorda che salutare, ringraziare per un consiglio, esporre la tua opinione contraria senza offendere fa parte di una normale educazione e non del galateo da foodblogger.



Ricetta di Emmanuel Hadjiandreou

130 g farina 0
120 g farina ai 5 cereali
6 g sale
75 g noci
3 g lievito fresco
180 ml circa di acqua tiepida

In una ciotola piccola unire le farine con le noci. In una ciotola più grande sciogliere il lievito nell'acqua. Incorporare le farine nella ciotola con il lievito e mescolare prima con un cucchiaio di legno e poi con le mani. Unire il sale e lavorare ancora qualche secondo. Si deve ottenere un impasto un po' appiccicoso. Se dovesse essere sodo come un impasto di pane normale, unire 1 cucchiaio di acqua tiepida. Raccogliere l'impasto (che non sarà quindi liscio e omogeneo) e coprirlo  a campana con la ciotola più piccola.
Far riposare 10 minuti.
In seguito, lasciando l'impasto nella ciotola, prendere con le dita, una parte dal lato dell'impasto e ripiegarlo verso il centro. Girare di poco la ciotola e ripetere l'operazione. In pratica è come se si dovesse portare la parte esterna verso quella interna. Per fare queste "pieghe" occorreranno non più di 10 secondi quindi più o meno, per 8 volte la parte esterna verrà portata al centro. 
Lasciare riposare altri 10 minuti coperto con la ciotola a campana.
Ripetere le pieghe ancora per la seconda volta. 
Lasciare in riposo altri 10 minuti, coperto.
Ripetere le pieghe la terza volta. 
Lasciare riposare altri 10 minuti (a quel punto l'impasto si sarà fatto più sodo) e completare con le pieghe per la quarta e ultima volta.
Coprire e lasciar lievitare 1 ora.
Lavorare brevemente l'impasto per sgonfiarlo, posarlo sulla leccarda coperta di carta da forno e formare una palla. Appiattire leggermente e con il dito, creare un foro al centro, allargandolo a circa 4/5 cm di diametro come a formare una ciambella.
Coprire con la ciotola a campana e lasciare lievitare fino al raddoppio (circa 45 minuti, 1 ora).
Scaldare il forno a 240°. Portare ad ebollizione un pentolino con dell'acqua. Cospargere la ciambella di farina, praticare 4 tagli con un coltello affilato o una lametta, infornarlo con il pentolino d'acqua in ebollizione e abbassare la temperatura a 200°.
Far cuocere per circa 20/30 minuti. Controllare la cottura battendo il fondo del pane con il dorso di un cucchiaino. Se il suono è profondo, come se dentro fosse pieno, lasciare in cottura ancora qualche minuto. Se risultasse come se dentro fosse vuoto, allora il pane è pronto. Lasciare raffreddare su gratella.










SHARE:

96 commenti

  1. Ho molto apprezzato il tuo post, questo argomento mi sta molto a cuore... la penso come te!
    Bravissima come sempre!
    Buona serata, Michela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah presa dalla foga non ho commentato il tuo meraviglioso pane... io lo adoro!
      Qui da noi (Valle d'Aosta) si usa spesso farlo... ma rimane molto più "grezzo"!!!
      Ciao

      Elimina
    2. Sì, ho capito com'è, è fatto anche con farine diverse. Anche a me piace molto il pane un po' grezzo ma anche quello bianco e quello ai cereali e quello giallo, quello nero, quello....:-) baci!

      Elimina
  2. Sono d'accordo con Michela! Bravissima Monique! Schietta, sincera e con quella giusta dose di ironia che ti contraddistingue!! Il pane è delizioso, toglierei qualche noce perchè non ne vado pazza... ma per il resto è perfetto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le noci non le tolgo, facciamo che tu mangi il pane, scarti le noci e le dai a me. Baci!

      Elimina
  3. Sei stupenda! Ahah.. ma quanto hai ragione, però. Mi hai fatto sorridere e anche riflettere: di tutte le cose che hai scritto, divertentissime e simpatiche, sull'umiltà metto una preferenza particolare. Per me deve essere una cosa fondamentale. <3 E poi anche sul tempo: leggere bene eviterebbe commenti imbarazzanti, dando giudizi scontati quando si richiede un po' di ascolto o conforto. :) Il rispetto e la voglia di imparare sono la base di tutto, sono il senso della condivisione. :) E poi passiamo al pane: una bontà, così 'grezzo' come piace a me. Condivido con Miki, dato che ogni volta che 'torno a casa' non mi faccio mai mancare il pane nero con le noci della Valle! Complimenti! :)

    RispondiElimina
  4. Tesoro quoto tutto parola per parola e io aggiungerei pubblicizzare prodotti per dentiera e detersivi per il water in un blog di cucina non é carino:-D e giuro che li ho visti i blog di cucina con questi post infilati tra una crostata e un pan brioche!! Il tuo umorismo e la tua ironia mi fa impazzire e che dire di questo pane: spettacolare rustico e di sicuro profumatissimo! Un bacione grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, pane molto profumato. Che dici, se ci metto accanto un detersivo per il water profuma di più? Ciao Imma!

      Elimina
  5. Questo pane è delizia allo stato puro. Sento il suo profumo fino a qui!

    Elisa

    RispondiElimina
  6. Mımmm.looks amazing..And smells very good:]

    RispondiElimina
  7. Muoio dalle risate! Il tuo decalogo delle regole è perfetto, ha il giusto tocco di ironia e in molti dovrebbero seguirlo...
    Per il pane... superfavoloso! E' da tempo che vorrei provarlo con le noci o con le olive, e questa ricetta potrebbe proprio fare al caso mio!

    Buona serata, un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Menomale che tu muori dalle risate, ci sarebbe da piangere!!

      Elimina
  8. A parte aver riso leggendo questi 10 punti di galateo.. sono pienamente d'accordo con tutto ciò che hai scritto.. (e giuro di aver letto tutto.. ogni singola parola! :-).. Buono il pane con le noci invece.. lo feci una volta tempo fa e mi piacque moltissimo... :-) buona serata
    ps: al gatto passato a miglior vita.. e un commento con scritto solo "belle le patateeee" mi son crepata... Per il gatto mi spiace O_o

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello del gatto era solo un esempio. Il mio è vivo e vegeto e si sta pure toccando:-)

      Elimina
    2. ahahaha ossignurrrrrr :-D smackkkkkk

      Elimina
  9. Mamma mia quanto mi è piaciuto il tuo galateo, ammetto di aver tossicchiato alla questione del nome (più un problema di Facebook che del blog dove il mio nome c'é eccome e dove tutti sanno come chiamarmi anche perché ovunque io commenti il nome lo metto sempre ;) )
    Per non parlare di quanto mi trovo d'accordo con il rendersi leggibili agli astigmatici, ahahhahah lo vedo il bianconiglio passare con il cipollotto...certi blog son troppo pieni di cose inutili, ammetto che se mi fan venire ansia chiudo tutto :D
    Poi per il resto io e la macchina fotografica dovremmo andare a fare un po' di terapia di coppia, speriamo con il tempo di migliorare o meglio che i miei amici fotografi accettino uno scambio equo lezioni di panificazione/pizza vs svelarmi i misteri della fotografia!)
    Il pane ha un aspetto delizioso, come tu sai in sfitzera ne vendono uno con le patate e noci che personalmente mi fa impazzire...dovrò replicarlo (seeee e penso al folder da fare che esplode di ricette)
    Brava brava
    Baci
    Luigi/Lou/quella sfitzerona che cambia sempre nome

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu ora non mi freghi più. Ora ti riconosco ad olfatto:-) Patate e noci non lo compro mai perché dal super a casa è già finito! Ciao Lou, è finito anche per te il tempo di cambiare identità, è Fb che comanda!

      Elimina
  10. Monique, bellaaaaaa questaaa ricettaaaa!!!...........
    Ahahahah scherzo, leggo sempre con piacere l'intro delle tue ricette e questa con poche parole hai spiegato non il galateo del foodblogger, ma cosa richiede la buona educazione!!
    Buon fine serata!
    Sonia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Soniaaa, bellleee le tue patateeeee!!:-) baci

      Elimina
  11. Monique, sinceramente sono basita e ammirata, perchè non potevi scrivere un galateo più azzeccato di questo!!! Concordo con te in tutto e per tutto, magari sembrano banalità ma invece se tutti rispettassimo questo galateo sarebbe una blogosfera più piacevole e - umanamente parlando - corretta. Per andare alla ricetta, il pane alle noci dev'essere squisito, tra l'altro noto che c'è la farina ai cereali e non posso fare a meno di pensare che questo è il pane perfetto per chi sta facendo una dieta contro il colesterolo: le noci sono ottime alleate e la farina di cereali è sempre consigliata per sostituire quella bianca. Buona serata!

    RispondiElimina
  12. Ciao Monique,

    le 10 regole sono eccezionali... e come dicono gli altri che hanno commentato prima di me, fanno ridere davvero, ma sono decisamente realistiche. Scriv sul mio blog di cucina da poco e mi ritrovo in ciascun punto che hai scritto, solo riguardo la pubblicità (che non ho messo sul mio blog) so che spesso non si riesce ad averne il controllo totale, ma ci si affida ad agenzie che a secondo dei loro clienti fanno ruotare diversi prodotti... e ahimè spesso si vedono dentiere, prodotti per wc o roba per il dimagrimento come dici tu.

    Passando al pane, sembra buono davvero... prima o poi devo provare tante delle tue ricette, questa compresa!
    E poi con le tue foto riesci sempre e comunque a fare godere di sicuro gli occhi :D

    Un saluto, buona serata
    Ornella

    RispondiElimina
  13. Cara Monique, presuppongo che tu sia femmina, il tuo blog è leggibile anche agli ipermetrici come me, non corro i rischi degli ipertesi perché azzero il volume, sono un po' debole di stomaco, ma a causa della celiachia, apprezzo le donne vere e pulite che mostrano scopa e paletta, sono fin troppo sincera, e spero anche tanto leale, ma soprattutto sono gentile ed educata, per cui ti dico subito che la ricetta non l'ho letta, sebbene la foto sia invitante ma solo perché non posso rifarla e mi viene l'acquolina solo a vederla e ti saluto cordialmente ;)
    Stefania alias FornoStar!
    Sei un genio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Monique è il mio nichname, mi chiamo Ugo e sono coperto di peli.
      Nessun obbligo a leggere la ricetta, né il post. Il consiglio di commentare dopo aver letto, è solo per evitare alla commentatrice una figura tapina.
      Evitare uno sfondo di scopa e paletta, esula dall'essere donne vere: sono sicura che quando hai ospiti a cena, in salotto la paletta la togli:-) Ma se non lo fai, non casca il mondo.
      Credo che ci siano cose più importanti, ad esempio il bianconiglio da fare al forno.
      Ciao Stefania, grazie di essere passata!

      Elimina
    2. Be' se ti chiami Ugo e sei coperto di peli, allora sei proprio il mio tipo… e al diavolo scopa e paletta! ;)

      P.s. non parlarmi di coniglio, né ho uno a casa e devo resistere alla tentazione di infilarlo nel forno! :D

      Elimina
  14. Meriteresti una ola :)) Questo post è grandioso e adoro la tua sottile ironia.
    Questo pane non è solo bello, deve anche essere speciale. Avrei voglia di impastare subito adesso.
    Buona settimana ^_^

    RispondiElimina
  15. Mi trovi d'accordo su tutto, tranne sul fatto della pubblicità che, il più delle volte, è Google a scegliere quale mostrare (che io sappia). Il tuo post è molto carino e la penso come te. P.S.Il tuo pane alle noci mi incuriosisce, perchè non l'ho mai assaggiato in vita mia. Buona serata.

    RispondiElimina
  16. Concordo su tutto, ma le regole numero 4, 9 e 10 le metterei sul podio... sono secondo me l'essenza per essere una buona blogger, ma non agli occhi degli altri (bè la quarta sì) ma per se stessi.
    Il pane alle noci lo trovo ottimo, ha un aspetto delizioso.
    Marilù

    RispondiElimina
  17. Questo decalogo è da scrivere a caratteri cubitali e dovrebbe diventare una specie di "giuramento" per chi decide di aprire un blog. Bravissima :)
    E che dire di questo pane? Poterne avere una fetta qua davanti subito...all'istante.
    Un bacio

    RispondiElimina
  18. Il pane alle noci lo amerò da ieri ancora di più... e sai perchè? Perchè l'ho fatto con le mie mani, era la prima volta, ero emozionata e timorosa, pensavo uscisse 'na ciofeca e invece... promosso e già finito! :-)
    Rido per i commenti ad cazzum... per fortuna qui ne ricevo pochi, ma era una piaga di quando stavo su Flickr... era la saga dei "nice shot" in serie, una noia e un vuoto...
    Blogger dovrebbe fare il copia e incolla di questo post, metterlo come benvenuto ai nuovi iscritti... :-)

    RispondiElimina
  19. Condivido in ogni suo punto il tuo decalogo, non potevi scrivere cose più giuste!!!
    Un abbraccio
    Carmen

    RispondiElimina
  20. Il galateo del foodblogger è veramente divertente: ho riso su 7 dei dieci punti. Il pane buonissimo di sicuro ma troppo troppo complicato per una come me che ci prova ma riesce raramente. Il tuo blog mi piace e ti seguo sempre. Ciao.

    RispondiElimina
  21. Un vademecum da stampare e attaccare al frigorifero, io ti commento poco, ma sappi che ti adoro, te, le tue ricette, le tue foto, le tue parole e il modo come impartisci lezioni con un'educazione e una diplomazia davvero ammirevoli! Grazie Mony, sei un mito! Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maddy non c'era proprio bisogno di dirlo...l'adorazione è reciproca. un bacio

      Elimina
  22. Assolutamente perfetta.
    Vorrei dare il giusto risalto alle ultime righe...dove parli della buona educazione...ecco, già tenerla presente farebbe fare meno errori ;)

    E il pane è splendido!!!!

    RispondiElimina
  23. letto stamattina ma non avevo tempo di commentare.Sulla ricetta super mi piace molto e per quanto riguarda il decalogo hai perfettamente ragione in tutto, soprattutto l'umiltà, pero' come Imma aggiungerei pure io la pubblicità di prodotti che non c'entrano proprio niente!!!

    RispondiElimina
  24. Apprezzo moltissimo il tuo galateo, lo copierei e lo incollerei in faccia a tutti i vari commenti con diecimila punti esclamativi che non sanno nemmeno se hai scritto di una crostata o di un plum cake.
    Il pane è delizioso, amo le noci incastrate nella pasta lievitata.

    Buona giornata! :)

    RispondiElimina
  25. Decalogo ineccepibile Il pane è bellissimo, sto lottando con il mio forno perchè da quando abito in questa casa la potenza del gas è superiore a quella che avevo nella casa precedente e mi fa brutti scherzi ma io non mi arrendo, un abbraccio, Daniela

    RispondiElimina
  26. Bellissimooooo il paneeeeee :-P
    E il galateo, certi punti mi hanno fatto venire le lacrime agli occhi per le risate! Ma concordo appieno con tutto il decalogo, sei stata anche fin troppo diplomatica. Un forte abbraccio!

    RispondiElimina
  27. Adoro il pane ai cereali e adoro leggere i tuoi post.
    Con il tuo modo di scrivere potresti dire qualunque cosa a chiunque :)
    Condivido le tue osservazioni, le condivido in toto e nel mio piccolo ci provo.
    Ehm... tranne che per l'albero di Natale con le lucine che nel periodo delle feste ha fatto bella mostra di sè nell'angolo in basso a destra! ....però è stato più forte di me :P
    Baci e buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bhé non esageriamo...il blog è un po' come casa nostra, ognuno è libero di mettere quel che vuole e un alberello per Natale è il minimo. Basta che poi non passino anche le renne con tutta la slitta...

      Elimina
  28. vero sottoscrivo ogni punto che dire! non c'è altro da aggiungere. Se non che la ciambella è così perfetta, a me un lato viene sempre più basso quando chiudo le due estremità, non so perchè. Io però uso il poolish non ho lievito madre forse sarà per questo, buona settimana Monique!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non ho chiuso le 2 estremità, ho fatto un buco al centro...

      Elimina
  29. ciao, sono Filippo, e volevo dirti che mi fai vedere il pane da un altro punto di vista rispetto a quello fatto con il L.M.
    E poi mi fai davvero tanto ridere quindi con quella tastiera puoi scrivere di tutto che io continuerò a leggerti....
    Miao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Filippo, finalmente abbiamo fatto outing. Come avrai capito io sono Ugo e credo che insieme facciamo una bella coppia. Da ricovero.

      Elimina
  30. Non so se mi è piaciuto di più il pane alle noci o il galateo :D Diciamo che adoro tutto il post, così non sbaglio di sicuro!
    Un bacione mia cara, buon inizio settimana :*

    RispondiElimina
  31. Sei sempre mitica, come non condividere???
    Mi hai fatto rotolare dal ridere dicendo cose verissime.
    Il punto 4 è quello che mi ha colpita di più.
    I puntatori a formina, gli animaletti che corrono sullo schermo e cosine varie che si muovono mi mandano davvero in trip, finisco per chiudere la pagina senza leggere :)

    La ricetta del tuo pane, beh, come al solito strepitosa!

    RispondiElimina
  32. Ma quanto mi sei piaciuta????? una cifra!!!!
    bellissima foto (come sempre)

    RispondiElimina
  33. Ogni volta che passo di qua (un po' meno di quanto vorrei...) è un piacere e uno spasso leggere i tuoi post. Evito di parlare delle ricette perchè superfluo... sempre e dico sempre strepitose.
    Le tue sono parole sui foodblogger sono azzeccatissime... Pensa che ho anche visto una foto di una torta cake design fotografata sul WC... e ho detto tutto!!! Ahhh e vorrei aggiungere alla tua lista che molti scrivono in caratteri e dimensioni terribili e io che sono un po' cecata alla fine desisto.
    Un abbraccio e buona settimana
    Tiziana
    PS: tra oggi e domani pubblichiamo il tuo salame di cioccolata, buonissimo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, anche il carattere del post è importante. E pur non essendo cecata, faccio fatica a leggere. Aspetto i salami!

      Elimina
  34. Ti comunico che da oggi sei ufficialmente il mio mito!!!!!
    E, come direbbe mia figlia, io ti LOVVO!!!!!! :-DDD

    P.S.prima di finire tra quelle che non conoscono i 10 consigli su citati...complimenti per il pane, è bellissimo!!! ;-)

    RispondiElimina
  35. Sante parole, cara Monique. Sai sempre deliziarci sia con i tuoi pensieri, che con i tui capolavori culinari. Per la tua personalità carismatica e originale ti ho già confidato il mio debole, e anche in maniera "ripetitiva". Ma questo pane, ecco, lui ti sostiene in questa unicità!
    Brava, sempre tu!

    RispondiElimina
  36. Ho letto tutto, ma dimmi che il gatto non è morto? ;)
    Scherzi a parte mi sento di sottoscrivere ogni singolo punto, partendo dal presupposto che l'educazione è alla base di tutto e, anche se può sembrare banale, non sempre è scontato.

    Ho pochissimo tempo , ma preferisco commentare anche solo un blog ( oggi il tuo!!) piuttosto che scrivere superlativi assoluti a tutti.

    A proposito , ma quel pane è buono come appare o di più?...penso la seconda.

    buona giornata

    RispondiElimina
  37. Super blogger buongiorno, quand'è che posso passare date così mi insegni prima a fare il pane e poi a fotografare da Dio? Non sai la paura che ho a volte di ricevere commenti che mi dicono che hanno provato la ricetta ed è venuta bene...meno male per il momento non è mai successo, e poi le foto, quanto mi dispiace non riuscire a valorizzare il piatto, però aimè, si fa quel che si può! Comunque da blog come il tuo c'è sempre da imparare, un abbraccio Manu

    RispondiElimina
  38. Due sole parole: TI ADORO!
    Il post è stupendo, l'ho trovato moooolto utile...e sono contenta di non aver messo né bianconigli né musiche né pubblicità ;)
    Piano piano sto riuscendo a conciliare gli impegni che ti dicevo con il blog...e i consigli che mi hai dato...beh, me li sono ben stampati in testa!
    Un abbraccio,
    Sabrina.

    RispondiElimina
  39. Ciao Monique, come non sottoscrivere tutto quello che hai scritto?
    Mi hai fatto sorridere, il che è una bellissima cosa il lunedì mattina!!! ;-)
    Mi associo ad Assunta più sopra per dichiararti che ti lovvo!!
    Il pane è una meraviglia, adoro il pane con le noci ed il libro da cui è tratta la ricetta mi arriverà in settimana, non vedo l'ora!!
    Buona settimana!! Roberta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Roberta, io ce l'ho in francese perché l'ho comprato qui e sto cercando di tradurre le farine francesi in quelle italiane ma credimi, le ricette le ho fatte quasi tutte (mi mancano quelle con il LM) e nessuna mi ha deluso. Spero di pubblicarne una ogni lunedì, perché questo maestro lo seguo da tempo e l'adoro!

      Elimina
  40. Ohhh fantastica questa ciambella di noci..che fame!
    O.o...scherzavo naturalmente,ma non perchè non sia un pane fantastico,ma perchè ho letto attentamente il tuo post e non ho potuto che condividere tutto!Maledetta fretta,quanta superficialità evidenzia...invece qui non si può che andar calmi ed assaporare immagini e parole!
    Bravissima cara come sempre!

    RispondiElimina
  41. Buongi Monique, so che era un po' molto serio, però ti chiedo scusa, ma in alcuni punti mi sono fatta delle sane risate...mi sa che a tutti un punto o un altro lo abbiamo trovato in giro....
    Mi dispiace molto anche quando vedo/sento di ricette copiate e senza che sia stata citate la fonte (che magari a sua volta l'ha presa da qualche altra parta, ma almeno citarne una non è poi così tanta fatica!!!!!)
    Certo è una bella lettura per iniziare la settiman (visto poi il tempo inclemente!!!)......
    Buona giornata

    RispondiElimina
  42. Caspita, il gatto è morto e non me ne sono accorta?!?!?! ;-)
    A parte gli scherzi, splendido post! Che dire poi del pane? Ruberei ogni pezzettino di noce incastonato... delizioso a dir poco.
    Felice settimana

    RispondiElimina
  43. BUON COMPLEANNO! OPS .. di cosa parlavi scusa?

    Sto scherzando Monique... io TI ADOROOOOOOOOOOOOO !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahhaah!! scemina!! Buon compleanno a te e fatti una mega torta senza fotografarla se ci riesci!! baci

      Elimina
  44. Ciao Monique condivido in pieno quello che hai scritto e il tuo decalogo è perfetto. Quanto al pane poi.. anche io ho il libro di Hadjiandreou
    , trovo che le ricette siano tutte ottime e riescono sempre benissimo. A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, è il mio amore e sono in lista prima di te, quindi se te lo vuoi sposare mettiti in fila, grazie!

      Elimina
  45. Il tuo pane alle noci è assolutamente perfetto ( desidero farlo da tanto tempo).Se permetti copio la ricetta e quando lo farò citerò ( naturalmente ) la fonte.
    A proposito di quanto scritto sopra,se è opera tua, ti chiedo il permesso di pubblicarla più in là anche nel mio blog....è così veritiero e divertente!!!!
    Ciao Ugo,ora so che sei un maschietto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, certo che è mia, però non sono molto d'accordo sul copia e incolla dei post, perdono! un bacio ps: hai capito che su Ugo stavo scherzando vero???

      Elimina
    2. Ahahahahah non avevo capito!
      Rispetto quello che mi dici e non lo inserirò nel mio blog. Mi sono molto divertita a leggerlo,brava.

      Elimina
  46. gatto? Quale gatto... mi sono persa qualcosa???
    Occhei, scherzavo.
    Manuale da foodblogger perfetto, aggiungerei perfetto anche per tutti i blogger che trattano i svariati temi.
    Il pane...invita all'assaggio. Io non sono brava nella panificazione, sono un po' da panetto monoblocco della macchina del pane e via!
    In compenso seguo spesso il tuo blog e commento poco, ma più per pigrizia che per altro.!
    Sei grande!

    RispondiElimina
  47. Esordisco dicendo....finalmente qualcuno la dice chiara,. Tu dirai percjè non ci ho pensato io....hai ragione, ho messo anni indietro qualcosa in un contesto di altro ma non ho avuto nemmeno un commento.... Io cerco di commentare a secondo di quanto il post mi comunica e se non ho da dire niente lascio almeno un saluto. Io non chiedo il copia/incolla no, non piace nemmeno a me ma posso solo dire che le blogger dovrebbero passare a questo post mettendo il tuo link senza dire perchè e percosa?????? Spero di essere sempre stata gentile ed educata anche se non sono una foodblogger. Questo pane alle noci mi piace da matti, prendo nota anche se non sono brava a panificare ma ci provo. E' un pane che mangio quando vado in ferie in campeggio in Austria loro adorano questo tipo di pane e...spalmato con un pò di burro ed un bicchierino di sherry (secco) freddo come bloccafame è sublime almeno per me. Ti dirò come mi è riuscito. Buona settimana.

    RispondiElimina
  48. Aspettavo di leggerlo e come sempre non hai deluso le mie aspettative, non posso fare a meno delle tua ironia e delle tue osservazioni. Averti conosciuta è stata una vera fortuna per me e posso dire senza ombra di dubbio che tu rispecchi a pieno il punto 10, difficile conoscere persone umili e disponibili come te...grazie Moni.
    P.s. Il tuo pane è splendido ma oggi passa in secondo piano <3

    RispondiElimina
  49. Con la tua ironia riesci sempre a colpire nel segno! Il tuo galateo è fantastico e il tuo pane mi ha fatto davvero gola! Bravissima!
    la zia consu

    RispondiElimina
  50. Condivido in pieno il tuo decalogo del galateo e' quello che cerco di fare anch'io !!!
    Il tuo pane e' splendido chissà che bontà complimenti e grazie per i tuoi consigli !!!
    Un abbraccio :-))

    RispondiElimina
  51. Ahaha!Brava Monique!Ho letto attentamente i tuoi consigli e...fra una risata e l'altra ho preso appunti :) Insomma, il decalogo è da stampare e la ricetta da provare!
    A presto,
    Francesca

    RispondiElimina
  52. Mi piace il pane, mi piacciono le foto e …mi piace il tuo stile nel "dettare" le regole ;-).
    Sottile, arguta, divertente e ironica. E chi se lo scorda più questo decalogo?! Tutte cose note, ma scritte così restano di più e fanno anche sorridere su quanto siano vere.

    RispondiElimina
  53. Non deludi mai !!!! Sei sempre tra le mie preferite ( lo penso davvero ).
    Da appassionata di lievitati quale sono, non posso che copiarmi la tua ricetta. Oltre ad essere brava in cucina e nel fotografare sei anche sempre spiritosa. Divertenti le 10 regole . Baciotti

    RispondiElimina
  54. Nooo....anche il gatto nooo.... ;) Love u

    RispondiElimina
  55. Beh, che dire...è la prima volta che leggo un post sul galateo del foddblogger! Cose che magari uno dà anche per scontato, ma che invece....purtroppo non è sempre così. :-)
    Il tuo pane l'avevo addocchiato su FB (spero di non confondermi, cadendo in fallo proprio sul galateo sopra citato)! Sublime.....

    RispondiElimina
  56. miiiiiiiiiiiiiii, foodblogger! ;-D

    RispondiElimina
  57. Monique ciao,
    sto organizzando uno SWAP sul mio blog.
    Se ti va di partecipare o semplicemente leggere di che si tratta passa a trovarmi.
    Un abbraccio
    Manu

    RispondiElimina
  58. Questo post ci voleva proprio! Condivido il tuo sfogo perchè ogni tanto bisogna far capire che qui non si gareggia, non si compete ma si condivide cio' che si è sperimentato . Un abbraccio,Peppe.

    RispondiElimina
  59. Ecco ci voleva proprio! Mi piace il tuo modo sempre leggero, ma non banale, di esprimere ciò che pensi andando diritta al cuore delle cose. Essere schietti non è da tutti.
    Il tuo pane è un invito a nozze. Brava Monique!

    RispondiElimina
  60. Buonasera Monique. Capito per caso nel tuo blog e mi imbatto in questo post geniale, complimenti!
    Lo inserisco nei the best di martedì sul mio blog.
    Oltre alla genialità del galateo trovo le foto delle ricette bellissime, si mangia prima con gli occhi.
    A presto
    Adriana

    RispondiElimina
  61. Questo post mi ha incuriosito molto, l'ho letto tutto d'un fiato! Il motivo? Sembra essere provvidenziale per me: ho aperto il mio blog il giorno dopo del tuo post! Lo leggo solo adesso, ma ne farò il mio vademecum!
    Buona giornata,
    Anna Lisa

    RispondiElimina
  62. Carinissimo il tuo decalogo! :) L'ho postato sulla mia pagina FB :) https://www.facebook.com/AngelinaInCucina/posts/10202564472889531

    RispondiElimina
  63. Ho letto il tuo post con molto interesse sia perchè apprezzo molto la sincerità sia perchè molte cose le condivido.
    Credo che alla fine tutto sia compreso nel decimo punto, l'educazione ed il rispetto devono sempre essere messi davanti a tutto quanto sia nel mondo virtuale che in quello reale.
    E a parte il punto quarto ( a me non piacciono ne puntatori ne bianconigli che saltellano tra un ingrediente e l'altro per cui scelgo liberamente di chiudere la pagina ma non posso obbligare qualcuno a casa sua a cambiare il tipo di "arredamento") credo che il decalogo dovrebbe diventare pubblico, tipo codice etico!
    Il Pane mi piace molto.
    Un saluto,
    Ileana

    RispondiElimina
  64. Ciao...ho scoperto solo oggi il tuo blog grazie al contest sul finger food (al quale ho deciso di partecipare). Tanto che c'ero mi sono messa a snasare un po! Il titolo di questo post mi ha incuriosito, sono una neofita e non so mai cosa devo fare. Mi sono letteralmente sbellicata, e devo ammettere che ad alcune cose non avevo pensato (il nome, cavolo!). Ti faccio i complimenti per le foto e per le varietà di pani che hai sfornato. Continuerò a seguirti, leggerti è davvero piacevole. Complimenti ancora!

    RispondiElimina
  65. Quanto é vero il tuo galateo! L'ho veramente apprezzato e credo che lo terrò come "Bibbia" del blog!!

    RispondiElimina
  66. Ci sono persone qui sul web che hanno da insegnare molto.
    Tu di certo sei una di queste.
    Ho guardato con occhi sognanti tutto il tuo blog e ne sono rimasta davvero affascinata.
    Passerò e ripasserò di qui, sperando un giorno di conoscerti di persona e chiederti qualche consiglio.
    Brava Monique, brava davvero.
    Valeria

    RispondiElimina
  67. Ciao, sono finita sul tuo blog per caso. Perchè anche io sono una mini foodblogger alle primissime armi ( www.insolitomenu.it ) Ho visto le tue foto. Stupende. Ho visto le tue ricette. Molto interessanti. Ti ho letto. Divertentissima. E niente penso che continuerò a leggere tutte le tue ricette passate, presenti e future. Anche perchè mi piacerebbe partecipare ad un tuo corso di food photografy.
    Sono proprio contenta di averti trovata!
    Ciao

    RispondiElimina
  68. Ciao, sono finita sul tuo blog per caso. Perchè anche io sono una mini foodblogger alle primissime armi ( www.insolitomenu.it ) Ho visto le tue foto. Stupende. Ho visto le tue ricette. Molto interessanti. Ti ho letto. Divertentissima. E niente penso che continuerò a leggere tutte le tue ricette passate, presenti e future. Anche perchè mi piacerebbe partecipare ad un tuo corso di food photografy.
    Sono proprio contenta di averti trovata!
    Ciao

    RispondiElimina
  69. Ciao miele... ottimi suggerimenti :))))))))))) ehhh cara Monique, parole sante.. il pane è una meraviglia, anzi, di più

    RispondiElimina
  70. Monique mi piace tanto il post, il galateo è fantastico dieci consigli che tante volte possono sembrare scontati ! Non vedo l'ora di conoscerti e iniziare il corso! Proverò presto questa ricetta amo fare il pane.Un saluto a presto

    RispondiElimina

APPREZZO consigli, critiche, opinioni, domande, nuove amicizie e semplici saluti.
Visto che non guadagno a commento, sarei molto più felice averne pochi e sinceri che tanti ma ad cazzum.

I commenti ANONIMI NON FIRMATI saranno cancellati.

Printfriendly

© MIEL & RICOTTA. All rights reserved.
BLOGGER TEMPLATE DESIGNED BY pipdig