martedì 26 febbraio 2013

Riccioli di marzapane e...un amore



E' una bella serata tranquilla e io sono innamorata.
Siamo a cena fuori, io e lui.
Mi parla entusiasta della sua giornata appena conclusa.
Gli brillano gli occhi.
Io lo guardo affascinata, gomito sul tavolo e mento appoggiato sul dorso della mano.
E' proprio bello,penso.
Lo ascolto ma sono rapita dalle sue espressioni, dalle ciglia lunghe, dalle leggère efelidi sul naso.
Vorrei baciarlo, mi avvicino un po', ma lui si scosta. Sta parlando, non vuole essere interrotto.
Ha un carattere molto dolce ma rimane comunque un maschio e come tale non ama le smancerie.
Poi però quando all'improvviso è lui ad abbracciarmi mi sciolgo come burro. 
Mi sento l'anima completa quando sono tra le sue braccia.
Vorrei dirgli Je t'aime ma faccio fatica a esprimermi in queste cose e alla fine non glielo dico mai. Ma lui lo sa che lo amo, lo legge nel mio sguardo, lo sente dalle mie carezze.
E anche qui, sul mio blog, faccio fatica a parlare di me e di lui, non ne parlo mai.
Lo so che si dovrebbe fare il contrario, urlare ai 4 venti l'amore per una persona ma io non sono così. 
Mi fa paura e mi sembrerebbe di togliere valore al sentimento.

Mangia con gusto, ben dritto con le spalle e con la bocca chiusa ma lascia cadere a terra una forchetta. Questa cosa mi irrita. Non è più un bambino, dovrebbe tenersi un po' meglio a tavola. Alla prima occasione glielo farò notare, ma non stasera che siamo al ristorante, l'uno di fronte all'altro, come non succedeva da tempo.
E' appassionato di astronomia e mi snocciola numeri di galassie, nomi di stelle e cifre con mille zeri.
Come nelle più classiche delle storie d'amore, mi incanto quando mi mostra le costellazioni e quando mi parla di astri e colori.
Lui è un giocatore d'hockey, non ha certo la delicatezza di un ballerino ma la sua irruenza è intervallata da piccoli gesti romantici.

A volte torna a casa con una rosa. Colta e rubata al giardino. 
A volte lo sorprendo allo specchio che si riavvia i capelli con un ghigno di soddisfazione vanitosa.
A volte sbaglia a parlare italiano, lo mescola con il francese, crea verbi improponibili e sorride.
E a volte, la sera, dopo che ci siamo abbracciati mi chiede di dormire con lui e io vorrei tanto ma non sarebbe giusto perchè purtroppo lui non è mio. 
Lo vorrei tutto per me ma non è possibile.

Ha finito di mangiare.
Gli guardo il viso, così perfetto, con tutte le sue cose al posto giusto. Le orecchie perfette, le labbra perfette, tutto è un disegno armonioso.
Ma sono io che lo vedo così incantevole, perchè ne sono innamorata.

Ordino un tortino al cioccolato e ce lo dividiamo a metà.
Bhè, diciamo che io lo assaggio appena. Lui lo adora, e il suo egoismo è ai massimi livelli. Non si accorge nemmeno che se lo sta mangiando tutto senza di me.
La cavalleria ancora non è il suo punto forte. 
Imparerà.
- "Ti piace questo dessert, Richard?" chiedo con mezzo sorriso.
- "Sì, ma tu quando me li fai i biscotti, mamma?
- "Domani amore, appena torni da scuola, te li faccio trovare pronti. Ora asciugati la bocca, che hai il cioccolato da tutte le parti."





Riccioli di marzapane

6/7 pezzi

125 g burro morbido
30 g zucchero
1/2 cucchiaino essenza mandorle
1 cucchaio di latte
40 g pasta di mandorle
4 cucchiai di confettura (nel mio caso fragole)
125 g farina
zucchero a velo


 Preriscaldare il forno a 190°. Sistemare i pirottini di carta nelle cavità dello stampo per muffins.
Riunire il burro, lo zucchero e l'essenza nel mixer e frullare fino ad ottenere una crema soffice e chiara (io ho usato le fruste elettriche).
Unire la farina e frullare aggiungendo il cucchiaio di latte se necessario.
Trasferire l'impasto nella sac à poche con il beccuccio a stella e creare una spirale nel fondo dei pirottini, partendo dal centro, coprendo il fondo e un giro in altezza. Vengono come dei cestini.
Tagliare la pasta di mandorle in 8/10 cubetti e posizionarli al centro del "cestino".
Far cuocere per 15/20 minuti finche risulteranno appena dorati.
Sfornare e completare con un cucchiaino di confettura al centro. Far raffreddare su una gratella.
Spolverizzare con zucchero a velo, se si vuole.

SHARE:

40 commenti

  1. Quando ho iniziato a leggere pensavo parlassi del tuo "lui" e invece era tuo figlio ...
    Bellissimi questi biscotti e sicuramente molto buoni.
    Buona domenica

    RispondiElimina
  2. Anch'io ero convinta che parlassi di un tuo amante, una storia d'amore magari contrastata :) deliziosi questi biscotti, immagino già il sapore di mandorle, che io adoro!

    RispondiElimina
  3. Anche io pensavo stessi parlando di un'altra persona!!!! Bellissimo il tuo racconto! Meravigliosi i tuoi dolcetti! Buona domenica

    RispondiElimina
  4. ma che bella dichiarazione d'amore, spero lui la legga!!! e sicuramente avrà apprezzato questi magnifici dolci, perchè chiamarli biscotti mi sembra un po poco, sono deliziosi!!! buona domenica

    RispondiElimina
  5. favolosi!!! ne prendo uno...

    RispondiElimina
  6. Mi era sfuggito questo piccolo, Grande dettaglio della tua vita... il giocatore di hockey... Sei speciale sai? Come questi gioielli:* ti abbraccio mamma dolcissima:)

    RispondiElimina
  7. Che bello parlare d'amore verso tuo figlio in questo modo... dolcissima! Carinissime le foto di questi dolcetti. Un abbraccio e buona domenica a te e Richard :)

    RispondiElimina
  8. Che bel post...
    Adoro il marzapane...Biscotti deliziosi...

    RispondiElimina
  9. Noooo che tenereeeeezzaaaaa!! <3 Mi hai davvero fatta sciogliere!! :D Dolcissima.. come questi riccioli che rubano il cuore e mettono un'acquolina indicibile :D Un bacio e un abbraccio :)

    RispondiElimina
  10. Tutte a pensare al tuo amante,ahah,invece era un inno all'amore piu' puro che ci sia!Mi sono persa nel racconto e nelle immagini di questi dolcini perfetti,belli e deliziosi!Complimenti Monique,e' stato davvero piacevole star qui!

    RispondiElimina
  11. Più procedevo nella lettura e più immaginavo un "imbroglio"... cuore di mamma!
    Bellissimi e buonissimi questi dolcetti
    Un bacione e buona domenica
    Tiziana

    RispondiElimina
  12. Che post intenso!! Brava Monique, hai scritto davvero una bella pagina di vita. E i biscottini sono deliziosi! Buona domenica

    RispondiElimina
  13. bellissima la tua storia! e i biscotti sembrano un incanto!

    RispondiElimina
  14. Ciao ....che bel' racconto ...per un attimo ci sono cascata anche io ....(sarà mica innamorata del marito della amica ,della sorella, della mamma, del amica di una sua compagna ...[Beautiful II] .....bla bla bla ) ...ahahaha che carina che sei stata !!! cuore di mamma ....<3 ah dimenticavo ..i riccioli sembrano ottimi ....!! Complimenti!

    RispondiElimina
  15. biscotti meravigliosi!!!! bravissima Monique, buona domenica :-D

    RispondiElimina
  16. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  17. ma che belli, chissà che buoni, mi segno la ricetta! proverò anche il tuo flan, mi piace troppo!

    RispondiElimina
  18. I biscottini sono davvero perfetti nella forma e negli ingredienti...bravissima! Ciao e buona settimana Lia

    RispondiElimina
  19. complimenti questi dolcetti sono spettacolari, li copio subito. Grazie per averli postati.

    RispondiElimina
  20. Ciao! Mi chiamo Anna e mi sono imbattuta nel tuo bel blog, ricco di tante belle ricette! Mi sono iscritta, avrei piacere se ci seguissimo a vicenda! Ti aspetto!

    http://ildiariodellamiacucina.blogspot.it/

    http://letortedianna.blogspot.it

    RispondiElimina
  21. mi hai fatto morire dal ridere... siamo mamme... senza possibilità di guarigione! La tua ricetta è un vero incanto! Un bacione

    RispondiElimina
  22. Ciao Monique, come stai? : )
    Che ne dici se prendiamo un tè con i tuoi riccioli? Cosa c'è di meglio??? Niente!
    Buonissimi, complimenti. A te sono venuti meravigliosamente, perfetti. Brava!
    Un abbraccio gigante <3
    Incoronata.

    RispondiElimina
  23. immainavo ci fosse una sorpresa nel racconto ;-) deliziosi dolcetti!!!!

    RispondiElimina
  24. Mi è piaciuto il tuo racconto, dolce e ironico... I riccioli sono proprio belli! Buona notte

    RispondiElimina
  25. assolutamente perfetti
    bravissima
    ciao
    anna

    RispondiElimina
  26. ti ho appena scoperta..è un piacere leggerti :) mi unisco ai lettori fissi , bravissima!

    RispondiElimina
  27. Bellissimo il tuo racconto tesoro pieno di amore e tenerezza..mi ha completamente rapita cosi come questi riccioli davvero divini!!bacioni grandi,Imma

    RispondiElimina
  28. Il racconto è da "harmony" e questi bocconcini non sono certo da meno...complimenti mi piacerebbe assaggiarne uno!!!
    Mila

    RispondiElimina
  29. Fino alla fine ho pensato che si trattasse della tua dolce metà :)
    E' bellissimo questo post, trabocca di un amore infinito e arriva dritto al cuore.
    Mi ha completamente rapita come i tuoi deliziosi dolcetti di chiusura. La pasta dei mandorle è una delle mie debolezze, come il cioccolato. E questi pasticcini devono essere da capogiro. UN bacio, buona giornata

    RispondiElimina
  30. ero sicura che parlavi del tuo bambino dalle prime righe... perchè sono le stesse cose che penso guardo il mio bambino...(quasi 19nne)
    ahahaha
    buona giornata

    RispondiElimina
  31. E' stato bello leggere tutto, fino alla fine... :-)

    RispondiElimina
  32. Sono semplicemente meravigliosi e li farò sicuramente :)
    Confesso che il tuo libro bellissimo dove la copertina è bella, le foto sono belle e le ricette sono belle vorrei tanto sfogliarlo visto che, mi pare di capire, contiene delle "perle" incredibili!!!
    F*

    RispondiElimina
  33. :-) e io quell'amore l'ho visto di persona... Con una mamma intirizzita dal freddo mentre lo giarda giocare, dormendo nel suo letto e fermandomi a guardare le galassie. L'amore incondizionato. Tu sai ❤️ Scusa per il cuoricino, ma ne avevo bisogno.
    Io pure ti amo.
    A me i biscotti quando li fai???

    RispondiElimina
  34. Che bella storia l'amore per un figlio e meravigliosi i biscotti! Da assaggiare

    RispondiElimina

APPREZZO consigli, critiche, opinioni, domande, nuove amicizie e semplici saluti.
Visto che non guadagno a commento, sarei molto più felice averne pochi e sinceri che tanti ma ad cazzum.

I commenti ANONIMI NON FIRMATI saranno cancellati.

Printfriendly

© MIEL & RICOTTA. All rights reserved.
BLOGGER TEMPLATE DESIGNED BY pipdig