martedì 22 luglio 2014

Stecco lampone e vaniglia e...la consierge


 La mia consierge, ovvero la portinaia, è una persona (presumibilmente donna), che opera e abita nel mio stesso condominio.
Tra me e lei è stato astio a prima vista.
Nonostante questo, è l'unica persona che riesce a tirarmi su di morale.
Quando la incontro in ascensore, lei mi guarda dal suo metro e zero-cinque e io mi sento una specie di star. Una botta di vita alla mia autostima.
Una portinaia classica, da che mondo è mondo, ha i baffi e chiacchera molto.
La mia è l'opposto.
Non ha i baffi, (o almeno non a vista) e  la sua voce mi è pressappoco sconosciuta: non mi ha mai rivolto parola. Al massimo mugugna. Il suo è un saluto molto intimo, diciamo.
Quando sono venuta ad abitare in questo appartamento, ho capito dopo ben 2 mesi che quella che vedevo gironzolare nei pianerottoli il sabato, non era là per distribuire volantini del circo Knie, ma era la consierge del nostro condominio.
"Ahhh, ma lei è la consierge!! Mi scusi, senza baffi non l'avevo riconosciuta..."
Il suo lavoro dovrebbe consistere nel tenere pulito lo stabile, in realtà, spesso manca un po' a questa responsabilità.
Una volta nell'ascensore, un bambino aveva fatto cadere un cono gelato. A terra giacevano le palline di ciocco-vaniglia con il cono sopra, testa in giù, come un'opera pop art.
Ed è rimasto là un'intera giornata.
Le scale le pulisce tutte, dal primo al quinto piano. Salta solo il mio pianerottolo. Forse le sfugge...forse è un po' distratta.
Ma è la Domenica mattina che da il meglio di sé quando scende per togliere le foglie secche dal cortile, con la sua mise preferita.
Hot pants in cotone mostrano cosce color mozzarella di bufala DOP, tempestate di buchi cellulitici.
Gambe con reticolato di vene varicose ma soprattutto calzino bianco alla caviglia, che slancia terribilmente e udite udite, le ballerine, che con il calzino che stringe la caviglia è un vero must.
Tutto questo in soli 105 centimetri di allegria.
C'è chi la Domenica mattina va a correre, chi va a messa, chi a far passeggiare il cane.
Io scendo per vedere la consierge.
Purtroppo entro quest' anno, tutto questo sarà finito.
Cara consierge,
ho saputo che te ne vai, ti trasferisci al tuo paese.
Ti ritiri.
Trallallero.
Cara portinaia dei miei fantasmini,
come farò senza i tuoi borbottii, senza le tue belle cosciotte di pollo anemico la Domenica e senza la tua coinvolgente simpatia?
Quando sono venuta ad abitare qui, non ti sei presentata e non mi hai portato il cesto di madeleines come benvenuto.
Io invece per salutarti, ti ho fatto gli stecchi di gelato da spiaccicarti sulle scale, così avrai un bel ricordo di quella del quinto piano.

Per 8 stecchi

400 g yogurt alla vaniglia
150 g lamponi
1 cucchiaino di miele

Lavorare lo yogurt con il miele, aggiungere i lamponi interi e mescolare con delicatezza fino a che lo yogurt non avrà preso il rosato dei lamponi. Versare nel porta ghiaccioli e mettere in freezer per 10/15 minuti. Passato questo tempo, infilare il bastoncino di legno e portare a congelamento. Sformarli passando il porta ghiaccioli per qualche secondo sotto il getto di acqua bollente.


SHARE:

30 commenti

  1. ahahahahahahaahahah!!! mi fai morire!!! appena vedo la notifica in bacheca, anche se ho unc asino da fare, corro :))))))))))))
    mi viene in mente un saluto, ma non lo dico :))) comincia per f e finisce per o :))
    grazie Monique!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ops! il saluto è per la consierge, ovviamente!!!

      Elimina
  2. Monique, non sai quanto mi divertono i tuoi mini racconti!!!
    Ah, questa ricetti a poi é favolosa!!!!!

    RispondiElimina
  3. Bentornata a te e bye-bye alla consierge!! :-D
    P.S. Il porta ghiaccioli ce l'ho! ;-)

    RispondiElimina
  4. fine più gloriosa non esiste per quegli stecchi che conservavo da anni dimenticati . BEN FATTO!

    mamma

    RispondiElimina
  5. Hai trovato gli stecchi!!!!E tu vuoi privarmi di questa ilarità? No Moniquccia, se non ho modo di sentirti almeno ho modo di leggerti...

    RispondiElimina
  6. semplice,goloso e fresco bravissima

    RispondiElimina
  7. Ahahah è vero che in genere hanno baffi e la voglia di chiacchierare :D Dovresti vedere che sorrisone ho stampato sula faccia! ^_^ Arrivo, vengo a stendermi sulle tue scale, ci penso io a pulire!!Foto stupenda!

    RispondiElimina
  8. Tanti "cari" saluti consierge.... mi fai troppo ridere... questi stecchi te li copio, sappilo!

    RispondiElimina
  9. Da noi, c'è un lui, magro e senza baffi… veramente i peli non ce liba nemmeno sulla testa, con abiti più grandi di lui e pulisce tutte le scale, anche il mio pianerottolo che però, essendo il primo, è il più sporco, perché comincia dall'alto e non cambia mai l'acqua… che gli faranno un corso (s)professionale ad hoc? ;)

    RispondiElimina
  10. aahahhahaha!!! Povera consierge!!!
    Grande Monique...favolosi i tuoi stecchi!!!

    Baci
    monica

    RispondiElimina
  11. Ah ah ah!!! Mi fai sempre morire dalle risate! Urge anche una foto delle cosce però :-P

    RispondiElimina

  12. Come ti ho già detto, ho avuto un po' di difficoltà a leggere il post. Non riuscivo a staccare gli occhi dalla fotografia. Tesoro, continua pure ad arrampicarti sui tetti, mettiti una imbragatura se credi, ma non smettere di fare foto che sono capolavori! Bentornata MoniQ. Mi sei mancata.

    Ah, dimenticavo: GRAZIE! ;)

    RispondiElimina
  13. Mmmm un peccato spiaccicarli a terra, se vuoi li prendo io! Attenta a quello che desideri cara Monique. Io non ho la portiera, ma la tizia del piano terra che ne fa le veci. Sa i fatti di tutti, ti sequestra la posta e la rilascia solo in cambio di qualche rivista letta, si lamenta sempre di tutto e se ti acchiappa hai perso la giornata letteralmente in chiacchiere. Facciamo cambio? Voglio la Puffi coi calzini!!! Almeno non devo ascoltare!!

    RispondiElimina
  14. Noi abbiamo un portiere, non ha i baffi e anche lui parla poco e mugugna molto...ma, saluta sempre. Io un gelato così non glielo offrirei mai...lo mangerei tutto io :-)

    RispondiElimina
  15. Ah ah ah! Ma come farai senza di lei! Vivere in condominio è difficile, ne so qualcosa perchè ci ho vissuto finchè vivevo con i miei. Non vedevo l'ora di andarmene.

    RispondiElimina
  16. Enrica è felice, felice perché Mony l'ha ascoltata :D ma che belli che sono i tuoi stecchi? bye bye consierge e gli stecchi tutti pr me ;-)

    RispondiElimina
  17. Mi fai sempre piegare dalle risate!! Ma questi stecchi che golosi!!! Sembrano anche molto veloci da fare

    RispondiElimina
  18. wow davvero invitanti... voglio provarli ma perchè non riesco a trovar le formine per far sti ghiaccioli? trovo sempre quelli piccolissimi in plastica... complimenti davvero eccezionali solo a guardarli figuriamoci a gustarli ^_^ a presto

    RispondiElimina
  19. Eheheh mi mancavano le tue perle.
    Hai identificato perfettamente uno degli esemplari da condominio più rappresentativi; certo, quelle che ricordo io avevano il grembiule/vestito a fiorellini e las ciabattas, questa mise invece mi mette a disagio per lei, ma amen, forse così si sentirà sé stessa!
    I ghiacciolini yogurtosi sono una piccola concessione che va di moda a casa mia, gli ultimi con le dolci banane in purea, ma questi con quei bei lamponi interi mi piacciono un sacco!

    RispondiElimina
  20. azz ma questa era da filmare e postare!!! dai prima che vada via potresti farle un video da divulgare sul web, ovviamente preavvertendola. SOno sicura che sarebbe felicissima perchè una che si veste così non può che essere una che si vede bellissima. La ballerina ne è la prova :-)
    Comunque invece di spiaccicarle i ghiaccioli sulle scale, io sinceramente me li mangerei alla sua salute. Pensavo che il miele non andasse bene nelle preparazione da congelare perchè prevenisse la solidificazione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti rispondo solo ora (che vergogna!). Io ero completamente all'oscuro del fatto che il miele prevenisse la solidificazione, vivendo in svizzera, so che nelle strade passano con il sale...non con il miele:-) Scherzi a parte, se vedi la foto, puoi aver la conferma che erano belli solidi. Forse è talmente poco rispetto al resto degli ingredienti! In ogni caso puoi benissimo ometterlo!

      Elimina
  21. oh cielo, arrivo anch'io!! lunga vita a quelli alti 1metro e 05, che ci fanno sentire delle spilungone...e ricorda che con le portinaie, di solito, non c'è limite al peggio...
    E adesso gli stecchi di yogurt gelato vorrei farli anch'io...tutti tempestati di frutti di bosco!

    RispondiElimina
  22. Ma tu sinceramente hai mai pensato di scrivere un libro? Perché, anche se la portinaia, ops consierge pardon, offre un'indiscutibile da sé dell'ottimo materiale, tu senza dubbio hai il dono di farlo diventare GENIALE! Siamo proprio sicuri di voler gettare tutti questi stecchi alla vaniglia? Sono meravigliosi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sarei pronta a sacrificare gli stecchi per lei. per quanto riguarda la prima domanda...we working for you...:-)

      Elimina
  23. E poi Monique mia, 'sta portinaia non ha saputo neppure apprezzare questi meravigliosi cremini che io divorerei a prima vista..
    Bah, per ora mi accontento di unirmi ai tuoi amici..Posso vero?
    Sarei felice di un tuo ricambio..grazie e buona serata!
    http://rockmusicspace.blogspot.it/

    RispondiElimina
  24. :D :D
    mi fai morire!!!
    e anche le fotografie.. belle belle belle.. DA MORIRE ^_^
    un bacione Monique, passo per salutarti anche se poi su fb siamo sempre in contatto! un bacione grande e felice di rileggerti!!

    RispondiElimina
  25. ahah :-) viva i post onesti e sinceri ero un po' stufa di tutti quei post perfetti su alcuni blog un po' troppo patinati! mi piace moltissimo anche la ricetta! G@ttigher

    RispondiElimina
  26. Ciao! Stupenda ricetta...Come sempre! Ne ho parlato sul mio Blog, spero ti faccia piacere!
    http://lalunadeigolosi.com/ghiaccioli-fatti-in-casa/

    Ciao, Lory
    www.lalunadeigolosi.com

    RispondiElimina

APPREZZO consigli, critiche, opinioni, domande, nuove amicizie e semplici saluti.
Visto che non guadagno a commento, sarei molto più felice averne pochi e sinceri che tanti ma ad cazzum.

I commenti ANONIMI NON FIRMATI saranno cancellati.

Printfriendly

© MIEL & RICOTTA. All rights reserved.
BLOGGER TEMPLATE DESIGNED BY pipdig